Rugby 7s: Sonny Bill Williams vuole anche le Olimpiadi

Rugby a XIII, rugby a XV, pugilato e – ora – anche il rugby 7s. Il talento All Blacks prenota un posto per Rio 2016.

sbw olimpiadi

Una medaglia d’oro mondiale nella rugby union, una medaglia d’argento mondiale nella rugby league e, ora, il sogno dell’oro olimpico nel rugby 7s. Nel giorno più brutto per il rugby a sette neozelandese, con gli All Blacks di Gordon Tietjens eliminati ai quarti di finale della tappa inaugurale delle World Series, si rifà forte la voce di un possibile sbarco di Sonny Bill Williams anche nella versione ridotta della palla ovale.

“Ho parlato con il suo agente. Ha espresso un vero interesse da parte di Sonny Bil nei confronti delle Olimpiadi. Sonny è polivalente, è un grande atlete e ha tutto. Può giocare a seven? Non lo so”.

A parlare così è stato proprio Gordon Tietjens, che apre dunque alla possibilità di vedere Sonny Bill Williams anche con la maglia della Nuova Zelanda nel rugby 7s e, magari, a Rio 2016. Ma lo stesso Tietjens, nonostante i tuttineri abbiano vinto 12 delle ultime 15 tappe delle World Series, non vuol dare per scontata la qualificazione olimpica, come il passo falso di Gold Coast ha dimostrato.

“La gente dà probabilmente per scontato che la Nuova Zelanda si qualifichi alle Olimpiadi perché negli ultimi anni abbiamo giocato molto bene. Ma come ho sempre detto a ogni tappa delle World Series vinta, c’è ancora molto lavoro da fare. Aver vinto 12 delle ultime 15 serie non vuol dire nulla quando si parla di qualificazione olimpica”.

Più scaramanzia che altro per Tietjens, che sa che il potenziale della Nuova Zelanda è altissimo. Certo, l’esordio nelle World Series e il peggiore ko con l’Inghilterra dal 2003 è un campanello d’allarme. Le nazionali di livello sono tante, più delle quattro che avranno il pass olimpico alla fine del tour mondiale.


Seguici su Google+

I Video di Blogo