Eccellenza: Calvisano soffre ma va in vetta

Si è conclusa da poco la seconda giornata del massimo campionato italiano di rugby, caratterizzata dai ko di Rovigo e Padova.

Sabato ricco di emozioni ed equilibrio in Eccellenza, dove il secondo turno si conferma difficile per tutti, favorite comprese. Su ben tre campi su quattro si soffre fino al fischio finale, con il solo Mogliano che chiude la pratica Prato in meno di un tempo e poi non infierisce sui Cavalieri. A Roma, invece, fatica la Lazio a imporsi su L’Aquila, che fallisce la conquista del punto bonus importantissimo in chiave salvezza.

Nei piani alti, invece, vittorie di peso per San Donà e Viadana. I veneti vincono in casa il difficile derby contro il Rovigo, mentre i lombardi espugnano di misura il campo del Petrarca Padova, che così resta a quota zero vittorie dopo due turni.

Rugby Viadana passa a Padova per 27-24. Pregevole successo per il Lafert San Donà contro il Femi Cz Rovigo battuto per 19-15. La Ima Lazio regola nella ripresa l’Aquila Rugby Club superandola per 26-18. Facile vittoria del Marchiol Mogliano contro I Cavalieri Prato (12-50)

La seconda giornata dell’eccellenza regala al Rugby Viadana il primo posto in classifica, con otto punti seppur in attesa del posticipo Calvisano-Fiamme Oro Roma.

Al “memo Geremia” di Padova la partita è viva e con lo score sempre incerto. Il Viadana si porta sul 9-0 con tre piazzati di Mc Kinley. Risponde il Padova con due mete di Bigi e Bellini. Sul finire di primo tempo doppia marcatura del Viadana con Apperlay e Buondonno (14-21 p.t.). La meta di Su’a trasformata porta il Petrarca in pareggio 24-24. Al 79 l’irlandese Mc Kinley centra i pali per il definitivo 24-27.

Replica il Lafert San Donà che nel derby contro il Femi cz Rovigo mette in campo grinta e tanta voglia di vincere. Partita tesa e condotta in vantaggio da San Donà per tutto il match e sul finire di gara allungo decisivo (19-15) con un piazzato di Cornwell.

La IMA Lazio soffre l’Aquila Rugby Club venuta a Roma per fare bottino pieno. Il primo tempo finisce 10-10 con una meta di Lofrese al 22 (Aq) e una meta tecnica assegnata ai romani dal direttore di gara Liperini al 40’. La IMA Lazio tenta l’affondo con Padrò che segna la marcatura del 17-10. La meta di Santillo (Aq) non trasformata riporta sotto gli abruzzesi fino al 20-18. I troppi falli commessi da L’Aquila Rugby Club mette in condizione Gerber di centrare i pali con due piazzati per il definitivo 26-18.

A Prato il Marchiol Mogliano segna sette mete e chiude la partita nella prima frazione di gioco finita 0-38, con tre mete di Onori. Nella ripresa i Cavalieri Prato riescono a marcare due mete con Ciaurro e Biffi.

Nel posticipo di domenica, infine, soffrono i campioni in carica del Calvisano, si trovano a rincorrere delle buone Fiamme Oro, ma poi grazie alla mischia e alle mete di Scarsini e Ferraro nel finale risolvono la pratica, conquistano il bonus e vanno in testa a punteggio pieno.

Eccellenza – II giornata

IMA Lazio 1927 v L’Aquila 26-18
Lafert San Donà v Femi-Cz Rovigo Delta 19-15
Petrarca Padova v Viadana 1970 24-27
I Cavalieri Prato v Marchiol Mogliano 12-50
Cammi Calvisano v Fiamme Oro Roma 33-13

Eccellenza – Classifica

Calvisano 10; Viadana 8; Mogliano 7; San Donà 6; Fiamme Oro, Lazio, Rovigo 5; Petrarca Padova 2; L’Aquila, Prato 0


Seguici su Google+

© Foto Elena Barbini – Tutti i diritti riservati

I Video di Blogo