Guinness Pro 12: le Zebre ci provano, ma alla fine è Leinster

Si è appena conclusa la sfida di Parma tra la franchigia federale e i campioni in carica.

Un tempo alla pari, con delle Zebre piacevoli che difendono bene e provano a contrattaccare contro un Leinster che non trova il filo logico e solo allo scadere del tempo agguanta il pari nonostante 10 minuti in superiorità per il giallo a Bortolami. Accelerano, però, gli irlandesi a inizio ripresa, marcano con Madigan e poi impongono la propria superiorità nonostante le Zebre non crollino, ma lentamente cedono con il passare dei minuti.

Buon inizio delle Zebre Rugby che prendono in mano la gara nei primi dieci minuti: difesa avanzante e positive fasi statiche del XV del Nord-Ovest che però non riesce a sfruttare due buone occasioni nei 22 irlandesi a causa di due falli ricevuti in ruck sulla linea dei 22 avversari da parte del direttore di gara scozzese Paterson. Ruba una rimessa laterale Bortolami e Leonardo Sarto alimenta il lungo attacco sull’out opposto prima che sia Garcia a trovare un buon varco con una corsa incrociata innescata da Orquera. Leinster riesce a risalire il campo grazie all’indisciplina italiana. Lungo multifase degli ospiti al 15°: tiene la difesa degli uomini di Cavinato ed azione che si spegne con un pallone mal passato da Madigan oltre la linea laterale. Bortolami non riesce a rotolare via sulla metà campo dopo un altro attacco ospite: Madigan non va per i pali ma per la rimessa ai 5 metri: dopo il lancio ancora il capitano bianconero sanzionato, questa volta con un cartellino giallo. Lo sforzo offensivo del Leinster riparte da una nuova rimessa che porta Kearney sulla linea di meta placcato a pochi centimetri dal palo sinistro. Il Tmo Damasco non concede la meta agli irlandesi perché il mediano Boss gioca l’ovale da terra. Le Zebre usano il piede per liberare la pressione in inferiorità numerica, la pedata di Palazzani ricaccia i campioni in carica del Guinness PRO12 nei propri 22 costringendoli a liberare in touche. Attaccano le Zebre con il drive avanzante che ottiene il fallo che Orquera calcia nei pali per il vantaggio bianconero. Leinster risponde alla mano ma la difesa delle Zebre non concede nulla. Partita accesa e nervosa, super lavoro per il direttore di gara alla mezz’ora: sul seguente prolungato possesso bianconero, le Zebre non riescono a produrre grattacapi alla ottima difesa del XV di O’Connor che risalgono con l’ala ex Springboks Kirchner. Il pilone McGrath viene placcato da Vunisa che non rotola via: Madigan –miglior piazzatore dell’edizione 2013/14 del torneo- colpisce il palo destro con Palazzani che non controlla l’ovale. La mischia con introduzione irlandese alimenta l’attacco alla mano che non trova varchi: Paterson torna su un fuorigioco e, a tempo scaduto, Madigan riporta il punteggio in parità.

Le Zebre Rugby cominciano la ripresa in attacco: avanzano Vunisa e Manici ma la difesa irlandese risponde con molta fisicità. Sull’altro fronte è invece Madigan al 45° a trovare un break tra le due seconde linee bianconere e superare la difesa per la prima meta della sfida che da il primo vantaggio al Leinster. Irlandesi nuovamente nei 22 italiani subito dopo a sfruttare un fallo in ruck contro Vunisa. Saltatori irlandesi disturbati in modo falloso e Madigan porta i suoi oltre il break 3-13. Entrano molte forze fresche per il XV del Nord-Ovest che riceve un fallo in mischia permettendo ad Haimona di trovare una touche in attacco. Faticano a rendersi pericolosi i bianconeri mentre avanza ancora il Leinster al 59°: Reid è placcato ad un metro dalla meta da Sarto che gli strappa l’ovale sfidando la retroguardia irlandese con la sua velocità infiammando il pubblico dello Stadio XXV Aprile. Cresce la fiducia del XV del Nord-Ovest che ritorna nei 22 ospiti grazie ad un calcetto recuperato da Haimona che suona la carica per i suoi con un altro ottimo inserimento. E’ il Leinster però che ha la possibilità di portare punti al tabellino: Bernabò non rotola via ma Gopperth decide per la touche. L’azione d’attacco ospite avanza prima sull’out opposto e poi ritornanare sul fronte offensivo destro dove i due McGrath trovano la meta: il pilone Jack porta l’ovale a pochi metri e ricicla per il mediano Luke che segna la seconda meta ospite. L’indisciplina costa territorio alle Zebre che si vedono fischiare un tenuto con Odiete al 72° e subiscono nuovamente la rimessa nei propri 22. Le Zebre difendono il lancio con un giocatore in più e così Leinster sceglie di ingaggiare in mischia chiusa: l’ovale esce e raggiunge ancora McGrath che segna in mezzo ai pali con un doppio movimento vedendosi così annullata la seconda meta personale. Nei minuti finali le Zebre hanno la possibilità di giocare una rimessa in attacco ma l’azione sfuma: vincono i campioni in carica del Guinness Pro12 che nel secondo tempo trovano i punti per la loro prima vittoria stagionale in trasferta.

ZEBRE – LEINSTER 3-20
Sabato 11 ottobre, ore 16.00 – Stadio XXV Aprile, Parma
Zebre: 15 David Odiete, 14 Giulio Toniolatti, 13 Tommaso Iannone (49′ Kelly Haimona), 12 Gonzalo Garcia, 11 Leonardo Sarto, 10 Luciano Orquera (71′ Edoardo Padovani), 9 Guglielmo Palazzani, 8 Samuela Vunisa, 7 Filippo Cristiano (40′ Valerio Bernabò), 6 Mauro Bergamasco, 5 Marco Bortolami (49′ George Biagi), 4 Quintin Geldenhuys (69′ Andries Ferreira), 3 Dario Chistolini (49′ Luciano Leibson), 2 Andrea Manici (52′ Oliviero Fabiani), 1 Matias Aguero (63′ Andrea Lovotti)
Leinster: 15 Rob Kearney, 14 Zane Kirchner, 13 Gordon D’Arcy (65′ Jimmy Gopperth), 12 Noel Reid, 11 Darragh Fanning, 10 Ian Madigan, 9 Isaac Boss (63′ Luke McGrath), 8 Jack Conan, 7 Josh van der Flier, 6 Rhys Ruddock (62′ Jamie Heaslip), 5 Kane Douglas (56′ Devin Toner), 4 Mike McCarthy, 3 Marty Moore (14′ Michael Bent), 2 Richardt Strauss (60′ Bryan Byrne), 1 Jack McGrath (69′ Ed Byrne)
Arbitro: Neil Paterson
Marcatori: 25′ cp. Orquera, 40′ cp. Madigan, 44′ m. Madigan tr. Madigan, 49′ cp. Madigan, 68′ m. L.McGrath tr. Gopperth
Cartellini gialli: 17′ Bortolami


Seguici su Google+

I Video di Blogo