Italia – Argentina: Allan e Campagnaro dall’inizio nella giovine Italia

Poco fa il tecnico azzurro ha annunciato la formazione che sabato sfiderà i sudamericani a Roma.

Ultimo appuntamento per l’Italrugby in questo novembre altelenante e la sfida contro l’Argentina è quella, probabilmente, che dev’essere la cartina tornasole dello stato dell’arte azzurro. Dopo l’Australia (a noi nettamente superiore) e le Fiji (inferiori sotto troppi aspetti), i sudamericani sono l’avversario più interessante da affrontare.

E per l’ultimo impegno prima del prossimo Sei Nazioni Jacques Brunel ha disegnato un’Italia diversa da quella vista a Cremona.

Tre i cambi nel XV titolare rispetto alla formazione che ha battuto le Fiji sabato scorso a Cremona, con uno spostamento di ruolo che porta a un totale di quattro cambi apportati dal CT francese dell’Italia in vista della partita contro i Pumas, reduci dalle sconfitte di Twickenham e Cardiff e, più in generale, da una serie negativa che si protrae da oltre dieci test-match. 

Per il derby latino dell’Olimpico, che registra il record di presenze per una gara tra gli Azzurri ed i sudamericani, Brunel conferma il triangolo allargato di Cremona con McLean estremo e le ali Venditti e Iannone mentre il veterano Gonzalo Canale – all’ottantaseiesimo cap – si sposta da secondo a primo centro in sostituzione di Morisi e lascia la maglia numero tredici al giovane Michele Campagnaro, all’esordio da titolare dopo aver debuttato in azzurro la scorsa settimana a gara iniziata.

Esordio da titolare, in cabina di regia, anche per Tommaso Allan: il ventenne azzurro del Perpignan, dopo essere partito dalla panchina con Australia e Fiji, indossa la prima maglia numero dieci della propria carriera internazionale dividendo la mediana con Edoardo Gori, confermato alla guida del pacchetto di mischia. 

In terza linea, Brunel conferma capitan Parisse a numero otto – il trentenne dello Stade Francais eguaglia Troncon a quota 101 caps – ed Alessandro Zanni sul lato chiuso, mentre Robert Barbieri rientra in maglia numero sette.

Nessun cambio tra i primi cinque uomini di mischia, gli stessi schierati contro Fiji con Bernabò e Geldenhuys in seconda linea, Castrogiovanni – anche lui a quota 101 caps – e Rizzo piloni, Ghiraldini tallonatore. 

In panchina prendono posto il tallonatore Giazzon, i piloni Aguero e Cittadini, il seconda linea Bortolami, Furno in grado di ricoprire i ruoli di seconda linea e flanker, i mediani Botes e Orquera e Benvenuti come utility back.

ITALIA
15 Luke McLean, 14 Giovambattista Venditti, 13 Michele Campagnaro, 12 Gonzalo Canale, 11 Tommaso Iannone, 10 Tommaso Allan, 9 Edoardo Gori, 8 Sergio Parisse, 7 Robert Barbieri, 6 Alessandro Zanni, 5 Valerio Bernabò, 4 Quintin Geldenhuys, 3 Martin Castrogiovanni, 2 Leonardo Ghiraldini, 1 Michele Rizzo
In panchina: 16 Davide Giazzon, 17 Matias Aguero, 18 Lorenzo Cittadini, 19 Marco Bortolami, 20 Joshua Furno, 21 Tobias Botes, 22 Luciano Orquera, 23 Tommaso Benvenuti

Credit image by Getty Images

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+