Affari italiani: Francesco Minto pronto a tornare in campo

La seconda/terza linea ottimista riguardo il futuro, anche se manca sempre la solita firma.

E’ fermo da febbraio, ha perso il Sei Nazioni e il finale di stagione e, a un certo punto, si era anche temuto per la sua carriera. Ora, però, Francesco Minto ha voglia di tornare in campo, di allenarsi con i compagni di squadra e di riprendere quel cammino interrotto.

Sulle pagine del Gazzettino è lo stesso giocatore a fare il punto della situazione, che sembra far intravedere la luce in fondo al tunnel.

“Manca sempre un’ultima firma, ma in questi ultimi giorni la questione si è sbloccata e sono fiducioso di poter iniziate regolarmente la stagione e tornare a giocare a rugby, la mia passione”.

Francesco, però, non riesce a nascondere l’ansia per il ritorno e anche un certo fastidio riguardo a questi mesi in cui si è dovuto allenare da solo, escluso dalla maglia azzurra e biancoverde per questioni burocratica piuttosto che medica.

“È stato un anno molto duro, anche perché, soprattutto nell’ultima parte, si è trattato più di politica che di problemi fisici. Anzi, io a dicembre scorso fisicamente ero guarito. Poi è stata un’attesa snervante, aspettando carte che non arrivano mai. Alla fine avevo ragione io, ma invece di risolvere il problema si è preferito togliermi dal campo, in attesa che qualcuno facesse qualcosa […] I certificati medici ci sono da mesi: non c’è nessun pericolo, sono abile al rugby professionistico. Ma per un motivo o per l’altro, dal 19 febbraio non posso più allenarmi con la squadra”.

Una firma, che si spera arrivi presto, così che Minto possa riprendere ad allenarsi con i compagni. Compagni che, intanto, vedrà sabato a Cortina in occasione della passeggiata per beneficenza “Una vetta per Gianca“.


Seguici su Google+

Ultime notizie su Guinness Pro14

Tutto su Guinness Pro14 →