Italia – Fiji: Brunel pensa ai giovani per non pensare alla difesa

Il ct glissa sulla prestazione imbarazzante in difesa degli azzurri, sottolineando la bella prestazione di Campagnaro.

Pensare alla bella prova di Michele Campagnaro per non pensare a ciò – tanto – che non è andato a Cremona. Alla fine di un match dominato come possesso e territorio, infatti, l’Italia vince di misura, concedendo ben cinque mete a delle Fiji in netta difficoltà causa indisciplina. Ma Brunel glissa.

Dopo la vittoria su Fiji di ieri a Cremona il ct azzurro Jacques Brunel stende il bilancio del match: “Siamo andati a riposo con un buon margine, volevamo mantenere la stessa strategia anche nella ripresa ma ci siamo riusciti a tratti. Di sicuro abbiamo sempre cercato di giocare una partita organizzata, sapevamo che così facendo avremmo potuto limitare le Fiji: ripeto, non sempre ne siamo stati capaci”.

“Campagnaro ha fatto un buon esordio – ha detto Brunel – è un altro di quei giovani come Allan e Sarto che sono entrati a far parte del gruppo di recente, è importante avere nuovi giovani ma anche atleti esperti per avere un mix interessante. Oggi mi complimento con Parisse e Castrogiovanni che hanno tagliato un traguardo importante come quello dei cento caps”.

Oggi l’Italia si trasferirà a Roma dove, all’Olimpico, sabato prossimo chiuderà la serie autunnale sfidando l’Argentina battuta 40-6 questo pomeriggio a Cardiff dal Galles: “Vorranno rifarsi, chiudere il loro tour con una prestazione importante dopo due sconfitte: la loro battuta d’arresto oggi con il Galles rende la partita di Roma più difficile” ha concluso il ct.