Los Angeles: il Forum trasformato in un gigantesco vinile, in onore degli Eagles

Il tetto è un 33 giri che celebra “Hotel California”, con diametro di 122 metri e che gira alla velocità di 27 chilometri orari.

Il Forum di Los Angeles, famoso per aver ospitato le partite di basket Nba dei mitici Los Angeles Lakers, si è rifatto il look. Ed è un maquillage molto particolare quello a cui è stato sottoposto il palazzetto. La copertura dell’Inglewood Forum, infatti, è un 33 giri. Un vinile vero e proprio, in omaggio agli Eagles, che qui suoneranno per sei serate con la prima prevista per dopodomani, e allo storico album del 1976, Hotel California.

Il ‘disco’ ha un diametro di 122 metri e gira veramente, a una velocità di 27 chilometri orari. Essendo vicino all’aeroporto della città californiana, è visibile da chi in aereo sta atterrando o sta decollando. Per risistemare il Forum e attrezzarlo per i concerti, è stato necessario un investimento da 100 milioni di dollari. L’appuntamento con la musica degli Eagles è dal 15 al 25 gennaio.

Sarà la vera e propria inaugurazione per l’Inglewood, diventato dopo i lavori la più grande area indoor dell’intera California. A decidere la ristrutturazione è stata la società che ne ha acquistato la proprietà, la Madison Square Garden Company. Il vinile sul tetto è il più grande mai realizzato ed è in grado di sopportare anche venti di 80 miglia orarie.

Per tutto gennaio sarà un’attrazione, sicuramente, per i turisti che ogni giorno partono e arrivano dall’aeroporto californiano: 1.700 voli ogni giorno. Un po’ come Hollywood. Per costruirlo, sono stati necessari più di 75 operai. Ma anche l’interno del Forum è di tutto rispetto: i posti a sedere vanno da un minimo di 8 mila a un massimo di 17.500. Dopo gli Eagles, il Forum ospiterà pure Justin Timberlake. E ancora: Paul Simon e Sting. Qui, tra il 1970 e il 1977, sono stati ospiti graditissimi i Led Zeppelin. Insomma, dalla musica alla musica andata e ritorno. Sul vinile.

I Video di Blogo

Video inedito del Daily Mail sull’arresto di George Floyd