Italia – Fiji: per chi suonerà la nona?

Quattro vittorie a testa nei precedenti tra le due nazionali, con l’Italia a trionfare nella sfida iridata del 1987, mentre i pacifici sono i soli ad aver vinto in casa degli avversari.

Si disputa sabato il secondo test match autunnale dell’Italrugby e avversari di turno sono i pacifici delle Fiji. Quella di Cremona sarà la nona sfida tra le due nazionali, che fino a oggi hanno uno score di assoluto equilibrio, con quattro vittorie a testa.

La prima sfida risale al 1980, a Suva, quando i padroni di casa si imposero nettamente per 16-3. La prima rivincita è, invece, datata 1987 in occasione della prima Rugby World Cup. A Dunedin, Nuova Zelanda, a imporsi sono gli azzurri per 18-15, con le mete di Cucchiella, Cuttitta e Mascioletti.

Si passa poi agli anni ’90, più precisamente l’agosto del 1999, quando arriva l’unica sconfitta dell’Italia in casa. Finisce 50-32 per le Fiji, che vanno in meta cinque volte contro le tre azzurre. Da quel momento, e parliamo degli anni 2000, cioè dall’ingresso dell’Italia nel Sei Nazioni, le due nazionali si sono incontrate cinque volte, con l’Italia che ha vinto in tre occasioni e le Fiji due, con il fattore campo a venir sempre rispettato.

L’ultimo match risale al 2010, a Modena, con l’Italia che ha vinto grazie ai calci di Mirco Bergamasco, mentre il successo più netto fu quello del 2001 a Treviso, con gli azzurri che si imposero 66-10, con le mete di Checchinato, Dallan, Martin, Moscardi, Persico, Stoica, Vaccari.

Insomma, la cabala dice che chi gioca in casa ha sempre vinto, ma è altrettanto vero che l’unica delle due nazionali a espugnare il terreno avversario sono state le Fiji, con l’Italia che ha vinto lontano dal Belpaese solo ai mondiali di Nuova Zelanda del 1987. Fidarsi, dunque, è bene, ma non fidarsi è meglio. Perché se le Fiji al momento sono la squadra pacifica più debole, hanno una fisicità e qualità individuali che possono diventare pericolosissime, soprattutto se gli azzurri non registreranno la difesa vista con l’Australia.

Oggi, poco dopo pranzo, l’annuncio del XV azzurro.

credit image by Getty Images

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+

I Video di Blogo