Super Rugby: entrerà una squadra giapponese?

Probabile un allargamento a 18 squadre, che oltre ai Southern Kings sudafricani comprenderà un team argentino e uno nipponico.

Potrebbe allargarsi anche a Oriente il Super Rugby del futuro. Con il torneo dell’Emisfero Sud che deve venir ridisegnato allo scadere del contratto nel 2015 si fa largo la consapevolezza che potrebbe entrare a far parte anche una squadra giapponese.

Come si sa, infatti, sono molte le pressioni per cambiare il torneo che attualmente coinvolge franchigie di Sud Africa, Australia e Nuova Zelanda. Da un lato, infatti, i sudafricani pretendono un posto per i Southern Kings, dall’altro con l’allargamento del Tri Nations all’Argentina è un’evoluzione naturale quella di coinvolgere proprio una franchigia sudamericana.

Portando, così, a 17 le squadre partecipanti. Ma visto che la volontà comune è quella di tornare a una numerazione pari, cioè 18, l’ipotesi al momento più plausibile è quella dell’ingresso di una squadra anche dal Giappone, Paese ospitante dei Mondiali 2019, che nella supersfida contro gli All Blacks due settimane fa ha portato 26mila spettatori allo stadio, tenendo i campioni del mondo inchiodati sul 7-6 fino al 26′ (prima di dilagare, ndr.).

Ad aprire è proprio il boss della Sanzar Greg Peters, che fa un discorso sportivo e politico. “Loro vogliono una nazionale che sappia competere alla grande nel 2019, quindi è utile che i loro giocatori giochino ai più alti standard possibili. E farli partecipare a un torneo professionistico di alto livello è stategico” le parole di Peters, in questi giorni a Londra proprio per discutere del futuro del Super Rugby.

credit image by Getty Images

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+

I Video di Blogo