India, bimba di 5 anni violentata e mutilata: è in fin di vita, caccia all’aggressore

Una bimba indiana di 5 anni lotta tra la vita e la morte dopo esser stata violentata e mutilata da un vicino di casa, un 24enne già identificato dalle autorità di Gandhinagar, ad est del Paese.

Nuovo brutale episodio di violenza sessuale in arrivo dall’India, l’ennesimo caso di stupro registrato nel corso degli ultimi mesi. Stavolta la vittima di tanta brutalità è una bambina di appena 5 anni, che ora lotta tra la vita e la morte dopo esser stata violentata e mutilata da un vicino di casa, un ragazzo di 24 anni non ancora fermato dalle autorità.

E’ accaduto a Gandhinagar, ad est del Paese. La bimba era scomparsa di casa lo scorso 14 aprile e solo ieri, dopo i pressanti appelli dei genitori e le estenuanti ricerche di autorità e volontari, è stata ritrovata ormai in fin di vita: evidenti segni di violenza sessuale, ferite su tutto il corpo e genitali mutilati.

Le sue condizioni sono parse gravissime fin dal primo istante. I medici dell’ospedale di Gandhinagar in cui è ricoverata stanno facendo di tutto per salvarle la vita, ma sembra che al di là delle brutali violenze, portate avanti anche con una spranga, sarebbe sopraggiunta una grave invenzione a causa dell’asportazione delle parti intime.

Il responsabile, lo rendono noto le autorità locali, sarebbe già stato identificato, ma al momento si sarebbe reso irreperibile. Le ricerche dell’uomo, vicino di casa della famiglia della piccola, proseguono senza sosta in tutte l’area. Suo padre è già stato fermato e interrogato.

Questa agghiacciante vicenda segue di poche ore altri due casi di violenza ai danni di minori indifesi. Ieri, a New Delhi, un bambino di 5 anni è stato ricoverato in ospedale dopo esser stato violentato da un maestro della sua scuola, mentre nello stato dell’Uttar Pradesh, sempre ieri, una bimba di 6 anni è stata trovata morta in una discarica: i primi esami medico legali hanno riscontrato segni di violenza sessuale e strangolamento.

Foto © Getty Images