Test Match: Italia, tra infortuni e incognite inizia un novembre duro

Out Favaro, Minto e Masi, per Jacques Brunel sono molte le scelte difficili da compiere in vista della sfida di sabato con l’Australia.

L’esordio sarà sabato, a Torino, contro l’Australia. Poi Fiji e Argentina, ultimi appuntamenti prima del Sei Nazioni del 2014. L’Italia arriva a questo novembre ovale dopo un 2013 in chiaroscuro, con un bel Sei Nazioni e un giugno più che deludente. Domani Jacques Brunel annuncerà il primo XV, ma come arrivano gli azzurri a questo appuntamento?

Jacques Brunel deve rinunciare ad alcuni elementi che si sono dimostrati fondamentali nella scorsa stagione. Ed è soprattutto in mischia che le assenze di Francesco Minto e Simone Favaro potrebbero farsi sentire, soprattutto quando c’è da mettere le mani dove nessuno vuole metterle. Out anche Paul Derbyshire e Alberto De Marchi, mentre nella linea arretrata non ci sarà Andrea Masi, una perdita non da poco, per peso ed esperienza.

In prima linea i giocatori sono quasi obbligati. Probabili titolari Martin Castrogiovanni e Michele Rizzo, con Cittadini e Aguero pronti a subentrare. A tallonare il titolare ideale è Leo Ghiraldini, ma arriva da un lungo infortunio e, dunque, probabile l’inizio per Davide Giazzon, che ha accumulato molti minuti con le Zebre.

In seconda linea, invece, è stato recuperato in estremo Quentin Geldenhuys, c’è Joshua Furno, molto utilizzato a Biarritz, l’esperienza di Marco Bortolami e la coppia di Treviso formata da Pavanello e Bernabò. Difficile fare previsioni per chi verrà scelto, anche se i miei due cents li metterei su Furno e l’esperienza di Geldenhuys o Bortolami. Con l’Australia difficilmente Brunel cambierà la sua terza linea ideale, formata da Barbieri, Zanni e Parisse.

A Treviso Gori è preferito a Botes, ma il mediano italiano è stato fermo nelle ultime settimane per infortunio, quindi potrebbe essere favorito il sudafricano. Cui verrà affiancato, probabilmente, Luciano Orquera, titolare fisso alle Zebre a differenza di Di Bernardo – schiacciato da Mat Berquist a Treviso -, mentre Tommy Allan verrà probabilmente lanciato nella mischia a Cremona e Roma, salvo sorprese.

Tra i trequarti bisogna capire se la divisione effettuata nei comunicati stampa sia reale, o meno, con Campagnaro centro e Benvenuti e Iannoni ali. Di logica, vedendo l’inizio di stagione, Alberto Sgarbi e Luca Morisi sono i favoriti per un ruolo in mezzo al campo, con l’incognita Benvenuti, che però potrebbe venir schierato largo assieme a Leonardo Sarto, che è in un ottimo momento di forma. Ma, anche qui, i dubbi sono tanti, con il giovane Campagnaro in stato di grazia e Venditti che offre chili ed esperienza. Poi c’è l’eterno Canale e Iannone come altre variabili. Estremo, salvo sorprese, sarà Luke McLean.

Il XV di Rugby 1823
Rizzo, Giazzon, Castrogiovanni, Furno, Bortolami, Zanni, Barbieri, Parisse, Botes, Orquera, Benvenuti, Sgarbi, Morisi, Venditti, McLean 

credit image by Getty Images

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+

I Video di Blogo