Test Match 2014: Italrugby, gli highlights del disastro figiano [Video]

La sintesi del brutto match perso dall’Italia sabato notte con le Fiji.

L’Italia vola ad Apia, capitale di Samoa, prossimo avversario degli Azzurri nel tour estivo che ieri, all’ANZ Stadium di Suva, è cominciato con una sconfitta contro Fiji al termine di ottanta minuti in cui gli Azzurri di Jacques Brunel hanno avuto dalla loro il possesso (52%) ma hanno faticato ad impostare i lanci di gioco, specialmente da touche, ed a dare efficacia alla conquista, concretizzando solo limitatamente la supremazia di un pacchetto di mischia che ha messo in grave difficoltà la controparte figiana.

“L’impatto degli avanti sulla partita è stato sicuramente positivo, ma in qualche misura ce lo aspettavamo: era quello che avevamo chiesto ai primi otto uomini, la base su cui era stata preparata la gara con Fiji” spiega, dopo lo sbarco ad Apia di questo pomeriggio Giampiero De Carli, ex prima linea dell’Italrugby – indimenticabile la sua meta alla Scozia che decise a favore degli azzurri il debutto nel 6 Nazioni, il 5 febbraio – che dalla fine di maggio ha assunto l’incarico di allenatore del pack azzurro dopo due anni nello stesso ruolo a Perpignan, in Top14. “Abbiamo fatto buone cose con la mischia, tra cui le due mete tecniche, ma non possiamo limitarci a questo. E’ un punto di partenza, ma resta il fatto che abbiamo perso la partita”.

“Samoa è più organizzata di Fiji in ogni aspetto del gioco, e credo possa anche essere considerata superiore da un punto di vista fisico. E’ un avversario completo, che negli ultimi anni si è rafforzato molto in mischia ed in rimessa laterale. Sicuramente noi dovremo usare un’arma importante come i nostri avanti, continuare a rispettare i nostri principi, ma non limitarci solo a questo per cercare di portare a casa un risultato più positivo di quello ottenuto ieri a Suva” ha detto De Carli.

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+ e Pinterest

I Video di Blogo