Quarto Grado ultima puntata 19 aprile 2013

Le sentenze Stasi e Scazzi al centro del nuovo appuntamento con Quarto Grado in onda venerdì 19 aprile 2013 su Rete4 con Salvo Sottile e Sabrina Scampini

A due anni dalla morte di Melania Rea, i legali di Salvatore Parolisi hanno presentato ricorso per chiedere un altro processo. Domani si svolgerà un convegno sul femminicidio promosso da Michele Rea:

Melania Rea: Ricorda nel modo migliore Melania e tutte queste donne. E nemmeno dimenticare i loro assassini. Bisogna tenere alta l’attenzione su questi casi. La guardia non si puo’ abbassare. Va fatta giustizia. E’ un modo nostro per intervenire in questo frangente. Vittoria sta bene, adesso starà dormendo. Potrà continuare, in futuro, qualcosa per la mamma.

Omicidio Yara Gambirasio: mamma Ignoto 1 è ancora viva?

Il pettegolezzo ha colpito gli abitanti del Borgo San Lorenzo di Rovetta. Una signora di 76 anni sarebbe stata indicata (ed interrogata) come la possibile mamma (e amante di Giuseppe Guerinoni) di ignoto 1, l’assassino di Yara Gambirasio. Gli inquirenti sono pronti a prelevare altri 400 Dna di donne della zona, sposate, madri e nonne. Mancano i registri dell’orfanotrofio in cui, per un secolo, sarebbero stati accolti gli orfanelli della zona. Trapela, pero’, che una vedova, morta da tempo, avesse un figlio dell’età compatibile a quello del killer dell’adolescente di Brembate. Sono stati rinterrogati Roberto Benozzo e Mohammed Fikri che hanno ribadito di non aver visto nulla di sospetto attorno al cantiere. Nei prossimi giorni, sarà sentita l’ex fidanzata del marocchino per precisare le circostanze della telefonata intercettata dagli agenti.

Omicidio Chiara Poggi: processo su Alberto Stasi da rifare?

Alberto Stasi è dispiaciuto per la mancata assoluzione in Cassazione e l’apertura di un nuovo capitolo di secondo grado per la morte di Chiara Poggi.

Paolo Reale (perito informatico e cugino di Chiara): E’ stato davvero molto interessante. Il procuratore generale ha fatto un intervento molto accurato mettendo assieme i vari pezzi come in un puzzle contestualizzandoli. Ha dato enfasi alle nostre richieste (la camminata, la bici nera non sequestra, il capello sulla mano sinistra). In queste valutazioni, si deve tener conto di meccanismi di logicità e vizi di forma. Ci siamo spesso sentiti inascoltati. Sul pc di Stasi ho trovato spezzoni pedopornografici mentre sulla chiavetta di Chiara alcuni articoli riguardanti l’essere pedofilo.

Rita e Giuseppe Poggi: Eravamo tutti emozionati dopo sei anni. Siamo sodddisfatti che dei giudici abbiano capito che c’era da fare chiarezza su alcuni dubbi prima di chiudere il fascicolo sull’omicidio di Chiara che ha bisogno di verità. Noi vogliamo la verità sulla morte di nostra figlia. La giustizia oggi ci ha risposto. La speranza è venuta in questo modo. Abbiamo trovato finalmente qualcuno che ci crede. Non molleremo mai.

Elezione Presidente della Repubblica: Rosy Bindi e Pierluigi Bersani si sono dimessi

Finestra informativa sulla mancata elezione di Romano Prodi (che ha ritirato la propria candidatura) a Presidente della Repubblica. Rosy Bindi ha rassegnato le dimissioni dall’Assemblea del Pd. In serata, Berlusconi incontrerà Monti.

Collegamento speciale dalla sede del Pd. Bersani si è dimesso.

Le prime dichiarazioni di Bersani, rilasciate all’Ansa, dopo l’intenzione di voler lasciare il partito. Si è consumato uno psicodramma del Capranica in Assemblea con pianti, grida, i dirigenti si sono rinfacciati anni di lotta politica, scelte sbagliate e linee generali non seguite dagli aderenti:

Bersani: Uno su quattro ha tradito, è inaccettabile. Abbiamo prodotto una vicenda di gravità assoluta, sono saltati meccanismi di responsabilità e solidaretà, una giornata drammaticamente peggiore di quella di ieri. Al prossimo voto per il capo dello Stato ci asteniamo e faremo un’ assemblea, mi auguro che si trovi una proposta con le altre forze politiche. Noi da soli il presidente della Repubblica non lo facciamo. Nella situazione che si è creata bisogna riprendere contatti con altre forze politiche per impostare la soluzione per l’elezione del presidente repubblica. Abbiamo preso una persona, Romano Prodi, fondatore dell’Ulivo, ex presidente del consiglio, inviato in Mali e l’abbiamo messo in queste condizioni. Io non posso accettarlo. Io non posso accettare che il mio partito stia impedendo la soluzione. Questo è troppo.

Processo Sarah Scazzi: Michele Misseri colpevole come Sabrina e Cosima Serrano?

Dopo 52 udienze e 200 testimoni ascoltati, i due giudici togati e la giuria popolare (tre insegnanti, due casalinghe ed un pensionato residenti nella regione Puglia) si sono ritirati nella caserma della Marina Militare di Taranto (dallo scorso lunedì) per decidere il destino dei nove imputati per l’uccisione della piccola Sarah Scazzi. Michele Misseri, che ha già preparato la borsa per finire in carcere, ha avuto un malore ed accompagnato in ospedale. Gli è stato somministrata una massiccia dose di tranquillanti. Sabrina e Cosima Serrano, che dividono la cella con una ragazza romena, si proclamano innocenti e si auspicano di parlare presto con Concetta per dimostrare la totale estraneità ai fatti.

Per gli avvocati Coppi e Gentile, le due donne sarebbero innocenti confermando l’esistenza di prove schiaccianti per la loro condanna. Lo zio di Avetrana sarebbe stato un abile depistatore, depositario di una verità irriverabile e ancora non chiara per confondere le acque. Le dichiarazioni dei teste avrebbero permesso agli inquirenti di costruire il quadro accusatorio contro la mamma ed il figlio. Il ritardo della visita del presunto luogo del delitto (la casa della famiglia Misseri) avrebbe influito negativamente sul mancato ritrovo di tracce.

Intervista a Michele Misseri sugli ultimi attimi prima di uccidere la nipote che gli avrebbe sferrato un calcio dopo il tentativo di molestia (seni toccati):

Michele Misseri: In questo periodo sono triste. Scrivo sempre a mia figlia ma lei non mi risponde mai (come mia moglie). Questa casa è vuota, non si sente niente. Tutti dicono che non sono credibili. Come facevo a spiegare tutto con i farmaci. Il movente c’è l’aveva Sabrina. La volevano già accusare. Io devo far emeregere la mia verità. Se la Cassazione le condannasse che vivrei a fare. Se venissero giudicate innocenti, sarei anche disposto a lasciare a loro la casa. Vorrei chiederle perdono ma non so se riuscirei ad abbracciarlo perché mi vergogno.

Sabrina vive continui stati d’ansia per la sentenza che verrà letta domani alle 14:00:

La difesa di Sabrina: Io non l’ho vista proprio quel pomeriggio. Alla Pisanò non ho mai fatto confidenze. A me piace Ivano, c’era attrazione fisica ma non amore. Era tutto uno scherzo. Io ci credo che poteva essere successo qualcosa con mio padre, perché, da piccola, aveva tentato un approccio con mia zia Dora ma se ne è andata via. Ho ricollegato tante cose. Non so cosa faceva in Germania mio padre. Ma lo volete capire che io ci tenevo a Sarah? La consideravo più di una sorella. Se avessi fatto qualcosa l’avrei confessato in poche ore. Io non ho fatto niente.

Fabrizio Gallo (avvocato Misseri per processo sulle calunnie): Siamo scesi per stare accanto a Michele. E’ diviso tra l’ansia di tornare in carcere e la paura di condannare due innocenti. Lui è colpevole di questo omicidio. Suggerivate le risposte.

Avvocato Galoppa: Da buon professionista, nel corso di un dibattimento, molto spesso le domande sono state riprese e riformulate. E’ stato un semplice appunto.

Le prove indiziarie contro Sabrina Misseri e Cosima Serrano.

Quarto Grado puntata 19 aprile 2013: anticipazioni

L’annullamento della sentenza d’Appello che ha assolto Alberto Stasi per la morte di Chiara Poggi e l’attesa per il verdetto dell’omicidio Scazzi sono al centro del nuovo appuntamento con Quarto Grado, in onda domani sera, in prima serata, su Retequattro. In diretta dal Centro Palatino di Roma, Salvo Sottile, con Sabrina Scampini e ospiti in studio e in collegamento, commenta le due vicende ripercorrendone gli snodi cruciali con numerosi servizi e approfondimenti.

Il programma a cura di Siria Magri, inoltre, prevede continui aggiornamenti da Taranto, teatro del processo per l’omicido della piccola Sarah, con i protagonisti che in questi anni hanno animato l’aula del Tribunale. Su Crimeblog, il consueto liveblogging della puntata.

Quarto Grado puntata 19 aprile 2013

Quarto Grado puntata 19 aprile 2013

Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013
Quarto Grado puntata 19 aprile 2013