Eccellenza: monologo Calvisano che va in finale

Non c’è storia nella semifinale di ritorno tra i bresciani e il Viadana, appena conclusosi.

Inizia subito bene Calvisano che sfrutta immediatamente un paio di errori del Viadana per andare nei 22 metri avversari. Ancora fallo degli ospiti e Calvisano sceglie la mischia, dove i bresciani puntano di essere nettamente più forti del Viadana. E, subito, arriva la meta tecnica che dopo quattro minuti dà i primi 7 punti al Calvisano. Nervovismo in campo poco dopo, con uno scambio di battute tra i giocatori. A peggiorare le cose per i gialloneri l’infortunio di Cagna attorno al settimo minuto, che obbliga gli ospiti subito a un cambio. Spinge Calvisano, ma si salva Viadana – seppur con difficoltà – con Vivarini che fischia tanto contro gli indisciplinati ospiti. Al 12′ è Griffen ad andare sulla piazzola e a non sbagliare, portando Calvisano sul 10-0. Continua l’assolo dei padroni di casa e al 15′ Da Jager buca senza problemi la difesa avversaria e si tuffa in meta per la seconda meta del Calvisano in questo avvio di partita, che appare già chiusa. Al 17′ Griffen vede il buco lontano, calcio profondissimo, Apperley non riesce a intervenire e Zdrilich schiaccia in meta per il 24-0 in meno di un quarto di partita.

Insiste Calvisano che vuole portare a casa in fretta il bonus, al 23′ ottiene una nuova punizione con Griffen che aggiunge tre punti al già ricco bottino del Calvisano in un match senza storia. Bonus che arriva al 29′ con la seconda meta tecnica ottenuta dal pack dei padroni di casa e 34-0. Serve mezz’ora per vedere – finalmente- anche il Viadana e al 34′ è Sintich ad andare in meta, regalando i primi punti per gli ospiti. Ma è una fiammata, perché poi la mischia di Calvisano torna a fare male e allo scadere è Haimona a finalizzare in meta, concludendo il primo tempo sul 41-7.

Ripresa che inizia come il primo tempo, con Viadana che si fa intercettare subito un calcio e Calvisano a spingere nei 22 ospiti, subendo fallo. E al secondo minuto è Belardo a mettere il nome sul tabellino. Entra in campo praticamente tutta la panchina di Calvisano, con Guidi che inizia già a pensare alla finale di sabato prossimo. Arriva, così, una nuova fiammata di Viadana, con corsa velocissima che porta Robertson in meta. Poco dopo il quarto d’ora bellissima meta di Sami Panico che arpiona un pallone forse non diretto a lui ingannando la difesa e schiaccia in meta.

Si entra nell’ultimo quarto di gioco con una partita ormai chiusa da tempo. Al 62′ va in meta Pablo Canavosio per il 60-14. Annullata per un avanti una meta a Robertson (forse erano tre le mete da annullare, ma le telecamere Rai non permettono al TMO Damasco di vedere bene le altre due situazioni, una per parte, ndr.). Si arriva così senza grosse emozioni quasi allo scadere, quando Hehea marca l’ennesima meta per Calvisano che fissa il punteggio finale sul 65-14

CALVISANO – VIADANA 65-14
Sabato 24 maggio, ore 16 – Peroni Stadium, Calvisano
Calvisano: De Jager, Bergamo, Vilk, Castello, Visentin, Haimona, Griffen, Steyn, Zdrilich, Belardo, Beccaris, Cavalieri, Romano, Ferraro, Lovotti
In panchina: Panico, Hehea, Gavazzi, Andreotti, Violi M., Chiesa, Canavosio, Costanzo
Viadana: Gennari; Robertson, Pizarro, Sanchez, Sintich; Keanu Apperley, Bronzini; Padrò, Moreschi, Du Plessis; Pascu, Barbieri; Cagna, Antonio Denti, Marchini
In panchina: Gatti, Manghi, Greco, Minari, Manuini, Travagli, Amadasi, Pavan G.
Arbitro: Vivarini
Marcatori: 4′ m.t. tr. Haimona, 12′ cp. Griffen, 15′ m. De Jager tr. Griffen, 18′ m. Zdrilich tr. Griffen, 24′ cp. Griffen, , 29′ m.t. tr. Griffen, 34′ m. Sintich tr. Gennari, 40′ m. Haimona tr. Griffen, 42′ m. Belardo tr. Griffen, 46′ m. Griffen tr. Gennari, 56′ m. Panico, 62′ m. Canavosio tr. M.Violi. 80′ m. Hehae

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+ e Pinterest

© Foto Calvisano Rugby – Tutti i diritti riservati

I Video di Blogo