Le prime pagine di oggi, giovedì 28 novembre

La rassegna stampa dei titoli dei principali giornali.


Un sol uomo su tutte le copertine dei quotidiani in edicola oggi: Silvio Berlusconi. La decadenza del Cavaliere è stato un avvenimento a suo modo storico, che potrebbe mettere fine alla cosiddetta guerra dei vent’anni. Ed è quindi inevitabile che ogni quotidiano dedichi la sua prima pagina al Berlusconi decaduto. Con le solite differenze: chi prova a essere più o meno neutro, chi urla la sua gioia, chi lista la pagina a lutto.

Prime pagine di oggi, giovedì 28 novembre

I titoli neutri sono quelli che si limitano a prendere atto dell’avvenuto. La Stampa opta per un “Berlusconi fuori dal Parlamento” con tanto di mano protesa a salutare del Cavaliere. La prima del Corriere della Sera è pressoché identica, stessa foto, stesso taglio, quasi stesso titolo: “Berlusconi fuori dal Senato: mi batterò ancora”. La Repubblica non riesce a tenere tale distacco: “Berlusconi, leader decaduto”; niente in confronto all’Unità che decide di aprire con “Cacciato un evasore”. Infine il Fatto Quotidiano (“Berlusconi è fuori”) e il Secolo XIX che si diverte alle spalle del Cavaliere: “Bello Ciao”.

Dall’altra parte della barricata non si scherza per niente. Il Giornale ci va giù pesante: “Colpo si Stato”, con tanto di ora in cui il tragico fatto è avvenuto. Ma Sallusti conosce già anche il rimedio: “Vendetta nelle urne”. Libero, che ultimamente ha cambiato i toni, la prende più alla leggera: “Torno subito”. Il Tempo prepara una prima pagina tutta bianca con la sola scritta: “Senza parole”. Da notare l’editoriale firmato da nientemeno che Berlusconi in persona: “È vero, sono io il più perseguitato. Ma lotterò ancora”.

I Video di Blogo