Pro 12: Glasgow, i guerrieri sfidano da soli l’Irlanda

Gli scozzesi hanno conquistato per la prima volta una semifinale da giocare in casa, ma non vogliono fermarsi.

Hanno disputato un campionato volando bassi, stando sempre sotto i radar mediatici, ma alla fine i Glasgow Warriors si sono dimostrati una squadra solida, concreta, che con 18 vittorie su 22 match hanno chiuso la stagione regolare al secondo posto. E, così, per la prima volta nella storia un club scozzese disputerà una semifinale di Pro 12 in casa, venerdì sera contro il Munster.

I Warriors sono l’unica formazione non irlandese arrivata ai playoff, con Leinster, Ulster e Munster a colorare di verde la Celtic League nel primo anno in cui nessuna gallese ha raggiunto le fasi finali del torneo. Proprio per questo ora le cose si fanno ancora più dura per il Glasgow, che però non si accontenta di dove è arrivata.

“Abbiamo fatto la storia, ma non basta. Vogliamo vincere il campionato e dobbiamo vincere. Sono tre anni che lavoriamo per costruire questo risultato, tutto è al posto giusto e ora tocca a noi finire il lavoro. Abbiamo raggiunto le semifinali due volte negli ultimi due anni, giocando sempre fuori casa, ma in casa è tutto un altro discorso. Abbiamo la possibilità di arrivare in finale. Con il Munster sono sempre battaglie durissime e questa non sarà diversa. Ma amiamo le battaglie e siamo pronti”.

Queste le parole del pilone Ryan Grant che sa che Glasgow ha un’occasione unica e che arriverà all’appuntamento dopo la più che convincente vittoria per 54-0 contro le Zebre.

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+ e Pinterest

Ultime notizie su Guinness Pro14

Tutto su Guinness Pro14 →