Pakistan: drone della Cia lancia missili su seminario, 8 morti

E’ il secondo attacco americano in Pakistan nel mese di novembre, dopo l’uccisione del leader talebano.

Un drone della Cia ha attaccato all’alba di oggi un seminario nel Pakistan nordoccidentale, causando la morte di almeno otto persone e il ferimento di altre quattro. Lo ha riferito Dawn News Tv. Secondo le prime informazioni, il velivolo senza pilota avrebbe sparato missili sull’edificio che ospita la scuola religiosa nell’area di Tal, nel distretto di Hangu, che si trova nella provincia di Khyber Pakthunkhwa.

Secondo i testimoni oculari, i droni avrebbero continuato a volare sopra la zona per qualche tempo dopo l’attacco. Fonti sanitarie hanno confermato che i feriti trasportati in ospedale sono tutti studenti del seminario, mentre non si hanno ancora notizie sull’identità delle vittime. E’ il secondo attacco di novembre, da parte dei droni americani, in Pakistan.

Nell’altro, avvenuto nel Nord Waziristan, era stato ucciso il leader talebano, capo del Tehrik-e-Taleban Pakistan. Nell’occasione, da Islamabad sono arrivate accuse agli Stati Uniti di voler sabotare il dialogo che si sta cercando di instaurare tra il governo pachistano e gli insorti. Il nuovo raid arriva il giorno dopo una dichiarazione del consigliere nazionale del primo ministro pachistano sulla Sicurezza e sulla Politica estera, Sartaj Aziz.

Quest’ultimo aveva detto che gli Usa avevano assicurato di fermare i raid dei temutissimi droni durante i negoziati con i ribelli islamici. Resta da chiarire quale obiettivo avessero i missili lanciati sul seminario religioso. Bisognerà prima risalire all’identità delle vittime per capirlo. Non ci sono state infatti dichiarazioni da parte del Pentagono al momento.