Nuova Zelanda: Sonny Bill apre le porte dei Chiefs a Ma’a Nonu

Il rifiuto di Williams a tornare in patria potrebbe convincere i campioni del Super 15 a mettere sotto contratto l’All Blacks.

Uno è il figliol prodigo che non vuol tornare a casa, l’oggetto dei desideri mancati. L’altro è la pecora nera che nessuno voleva, il campione vestito di nero senza un club. Ma i destini di Sonny Bill Williams e di Ma’a Nonu, due campioni e due personaggi mediatici unici, si stanno incrociando in quel di Hamilton.

Il gran rifiuto di SBW di tornare in patria e vestire la maglia dei Chiefs e degli All Blacks, infatti, cambia le carte in tavola per l’altro forte centro neozelandese. Nonu, infatti, era senza squadra dalla fine del Super 15 e, a oggi, nessuna delle franchigia neozelandesi appariva interessata a vestire con la propria maglia le treccine più famose del rugby.

Il no di Sonny Bill Williams ha creato non pochi problemi ai campioni in carica del Super 15, che si sono trovati scoperti in mezzo alla linea arretrata, con il mercato ormai pressoché chiuso e nessun top player a disposizione. A parte, appunto, Ma’a Nonu, ancora appiedato. Ed ecco che, dunque, si fa concreta l’ipotesi, come conferma anche il coach di Hamilton, che intervistato ha laconicamente commentato “Potrebbe essere. E’ uno dei nomi sul tavolo”.

Photo credits by Getty Images

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+

I Video di Blogo

Il video degli sciatori ammassati nella funivia a Cervinia