Rugby & Polemiche: tifosi separati sugli spalti ai Mondiali in Inghilterra?

Gli organizzatori della prossima Rugby World Cup vorrebbero tenere separati i tifosi delle squadre. Ma la violenza non c’entra nulla.

“Alle partite di rugby non ci sono divisori tra i tifosi, si sta tutti assieme a tifare. E’ questo il bello del rugby”. Quante volte avete sentito, o letto, questa frase, o l’avete pronunciata per spiegare una delle cose che caratterizzano la palla ovale? Ebbene, gli organizzatori dei Mondiali di “Inghilterra 2015” vogliono cambiare questa realtà, dividendo i tifosi delle squadre in campo in settori ben definiti dello stadio. E, giustamente, è polemica.

Precisiamo, non c’entra nulla la violenza negli stadi, la paura degli hooligans o simili cose. Che i tifosi in Inghilterra andranno per divertirsi, per vivere tutti assieme una festa ovale lunga un mese e mezzo gli organizzatori lo sanno benissimo. Allora perché vogliono cancellare una delle tradizioni più belle del rugby? Semplice: gli organizzatori vogliono che ogni momento della prossima Rugby World Cup sia memorabile e, nella loro idea, il colore e il suono univoco dei tifosi della stessa squadra darebbero un’atmosfera unica all’interno degli stadi.

Tradotto: se i tifosi neozelandesi o sudafricani, che magari vivono da anni in Inghilterra, acquisteranno i biglietti in maniera “anonima”, uniti agli appassionati inglesi che comunque riempiranno gli stadi, essi saranno separati, piccoli punti colorati e irriconoscibili. Se, invece, i biglietti per i tifosi di una squadra saranno concentrati in determinati settori dello stadio, allora i colori nazionali e i cori saranno più riconoscibili e più forti. Rendendoli più affascinanti, accrescendo l’atmosfera di festa nello stadio.

Giusto, giustissimo, ma siamo sicuri che il “piacere estetico” di vedere delle ampie macchie dello stesso colore nello stadio valga il perdere il “piacere amichevole” di potersi godere una partita fianco a fianco con un tifoso proveniente dall’altra parte del mondo, che tifa per l’altra squadra, ma che non dimentica di complimentarsi con te se la sua squadra ha subito una bella meta? Magari bevendosi una birra assieme? Credo proprio di no.

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+ e Pinterest