Terremoto in Abruzzo – Ma Roma è una zona a rischio? La mappa sismica del Lazio

Questa notte la terra ha tremato violentemente in Abruzzo e i morti sono purtroppo un centinaio. Ormai la drammatica notizia è nota. Anche a Roma, però, la maggior parte dei cittadini ha avvertito la scossa tellurica in piena notte e la paura è stata tanta. Immagino che molti oggi si siano chiesti se Roma è


Questa notte la terra ha tremato violentemente in Abruzzo e i morti sono purtroppo un centinaio. Ormai la drammatica notizia è nota. Anche a Roma, però, la maggior parte dei cittadini ha avvertito la scossa tellurica in piena notte e la paura è stata tanta. Immagino che molti oggi si siano chiesti se Roma è una zona sismica. Ecco allora qualche risposta.

Contrariamente a quanto si pensi e alla vox populi secondo la quale “solo la zona dei Castelli è a rischio terremoti” anche a Roma è potenzialmente un’area sismica. Fortunatamente però, (diciamolo subito per tranquillizzare i più), il territorio della Capitale non è inserito nella lista regionale dei comuni a forte rischio a la sismicità potenziale è di leggera entità. La mappa con cui abbiamo aperto questo post la dice lunga. Se nel Lazio, per la vicinanza appenninica, la provincia di Rieti è a forte rischio, Roma ed il litorale sono invece aree relativamente più tranquille, seppur con un margine di rischio medio mentre, effettivamente, l’area dei castelli romani sembra più a rischio.

Segue una seconda mappa, riguardante tutta l’Italia, dove il territorio di Roma è segnato in giallo in una scala di sette colori. Una posizione che colloca la Capitale esattamente a metà strada tra i territori a rischio zero o a lievissimo rischio e quelli a rischio terremoti medi, gravi o distruttivi (in viola) come Sicilia (Catanese), Calabria, Campania (Irpinia), Abruzzo e Umbia. Sul sito della regione, invece, tutte le mappe sul Lazio in Pdf.