Crisi Europa: Champions Cup? L’Irb dice no, però…

Secondo indiscrezione di Le Monde le trattative per riformare le coppe europee continuerebbero e l’International Board mette i paletti.

La notizia, o meglio l’indiscrezione, arriva dal quotidiano francese Le Monde, ma se confermato darà una forte sterzata alla crisi europea che da mesi sta dilaniando il rugby continentale. Perché l’IRB, il governo mondiale del rugby, avrebbe dettato le proprie condizioni.

Una presa di posizione, quella dell’International Rugby Board, che chiuderebbe definitivamente le porte alla nascita della Champions Cup, cioè la nuova coppa al di fuori dell’ERC. L’Irb, infatti, avrebbe fatto sapere che non approverà mai un torneo che non sia condiviso da tutte le nazioni europee. 

E questa è la notizia che farà sobbalzare i club francesi e inglesi. Ma l’Irb si pone come mediatore (finalmente) tra le parti e detta le altre condizioni. Venendo decisamente incontro a inglesi e francesi questa volta, sposando quel buonsenso che da altre parti sembra mancare.

In primis, i soldi. L’Erc verrà riformata, mettendo sullo stesso piano non le singole nazioni, ma i tornei nazionali. Quindi una ripartizione finanziaria del 33% tra inglesi, francesi e celtici (Italia compresa), mentre non è chiaro come verrebbe cambiato da un punto di vista sportivo il torneo continentale. Si troverà un compromesso, riducendo a 20 i club, ma garantendo la presenza di tutte le nazioni? Probabile.

Dunque, niente Champions e sconfitta anglo-francese. Soldi spartiti per tre terzi e vittoria anglo-francese. Riforma meritocratica della coppa e vittoria anglo-francese. Resta un ultimo punto, dove l’Irb sembra non transigere. Ok a una riforma dell’ERC, ma resti ben chiaro che a governare la palla ovale siano le federazioni, con i club – o le rispettive leghe – nella stanza dei bottoni ma su un gradino inferiore. Dunque sconfitta anglo-francese.

Ma, al di là delle ipotesi future, che poi ricalcano bene o male ciò che chiunque avrebbe messo sul tavolo se avesse avuto un po’ di buonsenso, la notizia che emerge dalle pagine de Le Monde è che, al di là dei toni battaglieri sulla stampa, negli ultimi giorni le parti avrebbero discusso e si sarebbero parlate. Avvicinandosi. Dunque, tentando di ricucire quello strappo che sui media disegnavano come definitivo.

credit image by Getty Images

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+

I Video di Blogo