Messico drug wars: Calderón chiede di restare uniti contro il narcotraffico, confermate le elezioni amministrative del 4 luglio

La drug war continuano a dilaniare il Messico, con conflitti sempre più frequenti da una parte all’altra del Paese.Se finora le diverse fazioni politiche si sono accusate a vicenda di aver favorito questa situazione, adesso il Presidente Felipe Calderón, del Partito d’Azione Nazionale, ha chiesto di unire le forze nella lotta contro il narcotraffico.Calderón si


La drug war continuano a dilaniare il Messico, con conflitti sempre più frequenti da una parte all’altra del Paese.

Se finora le diverse fazioni politiche si sono accusate a vicenda di aver favorito questa situazione, adesso il Presidente Felipe Calderón, del Partito d’Azione Nazionale, ha chiesto di unire le forze nella lotta contro il narcotraffico.

Calderón si è rivolto a tutti – ai vari partiti politici, ai giudici, ai legislatori, agli uomini d’affari e ai giornalisti – chiedendo con urgenza un incontro per discutere di un’efficace risposta contro il problema nei narcos.

Vista la sfida che ci troviamo di fronte, non possiamo permetterci che gli ideali politici ci separino. Invito tutti coloro che credono e difendono la democrazia, a un dialogo su questa e altre sfide che il Messico affronta in maniera diretta, perché arrivi una risposta unita e ferme, di fronte a coloro che attentano contro la vita democratica e la pace dei messicani. Dobbiamo formare un fronte comune contro i cartelli della droga e i Los Zetas, principali colpevoli della situazione odierna.


Della stessa opinione è Josefina Vazquez Mota, leader del Partito Rivoluzionario Istituzionale:

Quello che c’è in gioco è la democrazia, la pace e lo Stato di diritto. Dobbiamo affrontare questa sfida, formando un fronte comune.

Nonostante l’ondata di violenza – e l’omicidio di Rodolfo Torre Cantù, candidato a governatore per lo Stato di Tamaulipas – le elezioni amministrative di domenica non saranno annullate.

Saranno ben 14, incluso quello di Tamaulipas, gli Stati messicani coinvolti nelle elezioni.

Via | Clarin