Omicidio Alessandro Mathas: niente rito abbreviato per Giovanni Rasero

Ha cambiato idea Giovanni Antonio Rasero, il 29enne accusato di aver torturato ed ucciso il piccolo Alessandro Mathas, il bambino di 8 mesi morto a Genova lo scorso 15 marzo.In un primo momento aveva chiesto di esser giudicato con rito abbreviato – avendo quindi diritto ad uno sconto di pena – ma ieri mattina Rasero


Ha cambiato idea Giovanni Antonio Rasero, il 29enne accusato di aver torturato ed ucciso il piccolo Alessandro Mathas, il bambino di 8 mesi morto a Genova lo scorso 15 marzo.

In un primo momento aveva chiesto di esser giudicato con rito abbreviato – avendo quindi diritto ad uno sconto di pena – ma ieri mattina Rasero è tornato sui suoi passi ed ha deciso per il processo ordinario.

Il perchè di questa scelta – che vista l’accusa di omicidio volontario pluriaggravato dalla crudeltà per futili motivi potrebbe costargli l’ergastolo – è stato spiegato dai suoi legali:

Non ci sarà alcuna ricerca di scorciatoie. A nostro parere esistono elementi per mettere in discussione molte di quelle che finora, non si sa a quale titolo, sono state spacciate come certezze.


Al momento nessun cambiamento per la posizione di Katherina Mathas, madre del piccolo, che la sera dell’omicidio aveva consumato cocaina insieme a Rasero.

La 24enne resta indagata per abbandono di persona incapace, aggravato dalla morte di quest’ultima.

Via | Il Secolo XIX

Ultime notizie su Inchieste e processi

Tutto su Inchieste e processi →