Affari italiani: il Trentino sempre più ovale

In pochi anni il rugby è cresciuto così tanto da poter creare, quest’anno, il primo girone di Serie C con a maggioranza squadre della regione.

Così vicino al Veneto, eppure così lontano dalla palla ovale. Il Trentino non è certo una delle regioni ovali, anzi, e fino a pochi anni fa il rugby al di là dell’Adige era un oggetto sconosciuto. Ma il boom del rugby in Italia è arrivato fino a là e, ora, nasce anche il primo campionato di Serie C della regione.

Un successo per chi, pochi anni fa, è stato così pazzo da portare la palla ovale nei campi di Trento e Rovereto. Pochi appassionati che, poco alla volta, hanno coinvolto sempre più ragazzi nelle scuole, che magari si erano incuriositi dal crescente fascino dell’Italrugby. Così, in pochi anni, ecco nascere ben cinque club in Trentino e, ora, il primo campionato che coinvolge quasi solo società della regione.

Lagaria Rovereto, Polisportiva Oltrefersina, Benacense (Riva del Garda), Cedroni Val di Non, Trento giocheranno insieme a Valpolicella, Valeggio e Verona Rugby Union nel girone 5 della Serie C Triveneta. Un paio delle società trentine si sono fatte le ossa nel campionato amatoriale, ottima iniziativa per portare la palla ovale dove ancora non c’è o coinvolgendo chi, per diversi motivi, non vuole/può rientrare nei club tradizionali del campionato italiano. E sul territorio sono altre le realtà che piano piano stanno nascendo e che sempre più rendono il Trentino ovale. Un bel segnale che si aggiunge alle tante zone d’Italia dove negli ultimi anni il rugby sta prendendo piede.

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+

I Video di Blogo.it