Ciclismo, Michele Scarponi squalificato per 3 mesi

Il ciclista marchigiano, squalificato per aver frequentato il medico Michele Ferrari, rientrerà nel 2013.

Il ciclista Michele Scarponi è stato condannato a 3 mesi di squalifica e al pagamento di 10mila euro di multa dal Tnas, il Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport, del Coni, a causa della sua frequentazione con Michele Ferrari, medico che è stato inibito a vita dalla FederCiclismo per doping nel 2002.

Come riporta un’agenzia Ansa, la richiesta dei 3 mesi di squalifica proveniva dalla Procura Coni che aveva deferito il ciclista marchigiano. Oggi, il Tnas, presieduto dal dottor Francesco Plotino, ha confermato la squalifica: Michele Scarponi, che si era autodenunciato lo scorso 1° ottobre, ritornerà all’attività agonistica con l’avvento dell’anno nuovo, visto che la squalifica scadrà il 31 ottobre.

Michele Scarponi, vincitore del Giro d’Italia nel 2011, condannato anche a pagare le spese processuali che ammontano ad un totale di 1000 euro, era stato anche sospeso dalla sua squadra, la Lampre.

Il ciclista affermò di aver incontrato il medico Ferrari in due occasioni nel 2010, per alcuni test sulla salita di Monzuno, in provincia di Bologna.

Come pubblicato da La Gazzetta dello Sport, Michele Scarponi ha commentato la sua squalifica, non ritenendola giusta. Il ciclista, però, appare sereno e alla fine afferma di accettare comunque il provvedimento:

Sinceramente non mi sembra di aver commesso nulla di sbagliato. Accetto comunque il verdetto di tre mesi. Era la sentenza più accreditata, ma speravo che si potesse fare qualcosa meno o addirittura nulla. Prendo atto di questa sanzione e tornerò nell’anno nuovo.

Scarponi è già con la testa alla prossima stagione e dichiara che questa vicenda non lo condizionerà per quanto riguarda l’anno nuovo:

La sentenza non va ad intaccare la mia prossima stagione ma non ho passato un momento dei migliori. Non sono stato con la testa leggera pur essendo con la coscienza a posto. Finirò di scontare i tre mesi l’ultimo dell’anno e, sicuramente, inizieremo il prossimo anno in modo migliore e ci butteremo tutto alle spalle.

Foto | © Getty Images

I Video di Blogo

Video: la volata della prima tappa del Tour de France 2019