Baviera: arrestato l’uomo che ieri aveva preso tre ostaggi

L’irruzione di un commando speciale della polizia in serata: nessun ferito.

Dieci ore di paura per i tre ostaggi (uno era stato liberato prima dell’intervento della polizia) che ieri erano stati rapiti da un giovane armato (ma si è scoperto poi che si trattava di una pistola giocattolo) nel municipio bavarese di Ingolstadt. Poi, il blitz di un commando speciale che ha permesso la cattura del sequestratore e la liberazione dei dipendenti.

L’autore del gesto è un pregiudicato di 24 anni, affetto da gravi disturbi psichici e sotto trattamento psichiatrico a Monaco di Baviera. Alla polizia era noto come stalker e pare avesse avuto una breve relazione con una donna che lavorava in Comune e che era effettivamente tra gli ostaggi. Come detto, la pistola era giocattolo, ma il 24enne era comunque munuto di un grande coltello.

Secondo la polizia, ieri mattina, il sequestratore aveva rapito anche una quarta persona ma l’aveva liberata quasi subito per ragioni sconosciute. A causa della situazione, il cancelliere Angela Merkel ieri aveva deciso di cancellare un comizio che ci sarebbe stato nel pomeriggio proprio sulla piazza del municipio di Ingolstadt. Annullato anche un altro discorso previsto in serata a Ratisbona, in Baviera.

Secondo la polizia, comunque, non ci sono collegamenti tra il sequestro e la presenza di Merkel. Fatto sta che dal pomeriggio olte 200 agenti presidiavano già la zona. Per cinque ore, dopo il rapimento, ci sono state le trattative per la liberazione degli ostaggi. E’ stato quindi rilasciato il vice sindaco Sepp Misslbeck.

Si è saputo in un secondo momento che la dipendente tenuta in ostaggio dal giovane era vittima da tempo di stalking da parte del pregiudicato, tanto che all’uomo era stato imposto un divieto di accesso all’edificio, violato più volte nelle ultime settimane. Durante tutto il pomeriggio di ieri, il 24enne non aveva formulato richieste, solo che gli venisse portato da mangiare e delle pillole.

Foto | © Getty Images