Centrale di Fukushima: fuoriuscita di acqua radioattiva

La Tepco ha tenuto una conferenza stampa per dare notizia del nuovo incidente, considerato di livello 1, quindi grave.

Nuovo incidente alla centrale nucleare giapponese Daiichi di Fukushima. Oltre 300 tonnellate di acqua radioattiva sono infatti fuoriuscite dall’impianto finendo sul terreno circostante: lo ha comunicato la Tepco, società che gestisce la centrale, teatro del grave incidente provocato dal terremoto e dallo tsunami del 2011.

La Tepco ha ammesso che l’acqua potrebbe aver contaminato il suolo, la fonte della perdita non è stata ancora identificata. D’altronde, era difficile nascondere l’incidente: questa mattina pozzanghere con livelli di radioattività molto alti erano apparse vicino ai bacini di stoccaggio dell’acqua.

Dall’incidente del 2011 a oggi, la società Tepco ha dovuto impiegare grandi quantità d’acqua per far raffreddare i reattori. Solo una ventina di giorni fa si era verificata un’altra fuga di acqua contaminata verso l’oceano Pacifico. Le radiazioni emesse oggi raggiungono il livello “molto alto” di 80 milioni di becquerel per litro. Le rilevazioni nei pressi dell’acqua hanno superato di cinque volte il limite massimo di esposizione annuale per i lavoratori dell’impianto.

La Corea del Sud ha chiesto spiegazioni a Tokyo per le continue fughe di acqua radioattiva nell’Oceano Pacifico. I dipendenti della struttura stanno provando a ridurre le perdite utilizzando misure come la costruzione di muri sotterranei, ma per ora non sono segnalati progressi significativi.

Foto | © Getty Images

I Video di Blogo.it