Lido di Fermo, trovato morto il ragazzo 16enne scomparso in mare

Riccardo Galié, uno dei quattro ragazzi che nella notte erano usciti in pedalò nelle acque del Lido di Fermo, è stato ritrovato morto nel mare di San Benedetto del Tronto. Salvi gli altri tre amici.

Questa notte quattro adolescenti di Amandola, una cittadina montana del Fermano, hanno preso un pedalò e sono andati a fare una gita nelle acque del Lido di Fermo, tra San Benedetto del Tronto e Porto San Giorgio. I giovani non si sono resi conto che il tempo meteorologico stava peggiorando di minuto in minuto, tanto che durante la mattina ci sono stati numerosi danni agli stabilimenti della riviera adriatica marchigiana. Non è ancora chiaro se il pedalò si sia ribaltato o se abbia imbarcato acqua a causa della mancanza del tappo di sicurezza, ma i quattro ragazzi sono finiti in mare, due di loro si sono salvati senza problemi perché nuotatori esperti e hanno tratto in salvo il terzo, ma il quarto, Riccardo Galié non ce l’ha fatta ed è stato ritrovato stamattina.

Dopo ore di ricerche, coordinate dalla Guardia costiera di San Benedetto del Tronto, con l’aiuto di un elicottero della Guardia di finanza e di una motovedetta della Capitaneria di porto, il corpo di Riccardo è stato trovato incastrato tra gli scogli vicino al luogo in cui è avvenuto l’incidente con il pedalò.

I tre ragazzi superstiti sono sotto shock e i genitori di Riccardo, che hanno assistito in ansia alle ricerche, sono disperati. Ora gli agenti del commissariato di Fermo stanno indagando per capire la dinamica dell’incidente, se il pedalò si è ribaltato a causa del maltempo o se ha imbarcato acqua perché mancava il tappo di sicurezza che potrebbe essere stato tolto dal bagnino prima della notte, come spesso avviene in molti stabilimenti, proprio per evitare che qualcuno improvvisasse una gita notturna. 

Immagine Google Maps

I Video di Blogo