Un piper è caduto sulla Marmolada: morti quattro altoatesini

Intorno alle 16 di sabato 17 agosto un piper è precipitato sulla Marmolada e ha preso fuoco: sono morti quattro altoatesini di lingua tedesca, il pilota e i suoi tre amici.

Un piccolo aereo turistico è caduto oggi pomeriggio sulla Marmolada, lungo un ghiaione della val di Fassa, a qualche chilometro in linea d’aria dal rifugio Contrin, sulle Dolomiti tra Veneto, Trentino e Alto Adige. Il piper è precipitato e ha preso fuoco dopo lo schianto, tutti coloro che erano dentro sono stati ritrovati carbonizzati: si tratta del pilota e di i suoi tre amici, tutti e quattro altoatesini di lingua tedesca.

Il velivolo, un Cessna 172 D-EDQL, era partito verso le 15 dalla pista dell’aeroporto ‘Dolomiti’ di Bolzano, ma è caduto praticamente circa un’ora dopo la partenza. Un testimone ha chiamato il 118 dicendo di aver visto il piccolo aereo precipitare. Ma sono molti i turisti che hanno visto la caduta del monomotore mentre si trovavano presso il rifugio Contrin sui percorsi da escursionismo nei dintorni, poco sopra i 2mila metri di quota.

Sul luogo della tragedia sono arrivati i vigili del fuoco e due eliambulanze delle province confinanti, del Suem di Pieve di Cadore in provincia di Belluno e dell’Aiut Alpin Dolomites di Bolzano. Ora l’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ha aperto un’inchiesta e invierà un investigatore per capire qual è la causa dell’incidente. 

Secondo i testimoni, il piper è caduto appena sotto il passo dell’Ombretta schiantandosi alla base della parete Sud-Ovest della Marmolada, incendiandosi all’impatto. Il piccolo aereo è stato visto arrivare dalla direzione di passo San Nicolò e volava molto basso, più della quota del passo dell’Ombretta. C’è un tentativo di virata ma non è riuscito per via della valle molto stretta e l’aereo si è schiantato. 

Ora per la rimozione delle salme serve il via libera del magistrato di turno a Bolzano. Intanto è stato costituito un cordone di sicurezza per tenere lontani i curiosi, in tanti, infatti si stanno avvicinando sul luogo dello schianto.

Foto © Dmitry A. Mottl (via Wikipedia)