Camorra, clan Castaldo-Sapio: 17 arresti nel Nolano

L’inchiesta, avviata nel gennaio del 2011 dopo l’omicidio a Castello di Cisterna di Corrado Nunneri, è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia partenopea

di remar

Sono 17 gli arresti eseguiti questa mattina dai carabinieri della Compagnia di Castello di Cisterna (Napoli) a carico di altrettanti presunti affilati di spicco al clan camorristico Castaldo-Sapio, che secondo gli investigatori controlla tutta una serie di attività illegali nel nolano. Le accuse a carico degli indagati vanno dall’associazione di tipo mafioso, alle estorsioni passando per la detenzione e il porto illegali d’armi e lo spaccio di droga.

Tra i destinatari delle ordinanze di custodia cautelare ci sono il presunto boss Fabio Sebastiano, già in carcere, la moglie e il figlio. Dalle indagini sarebbero anche emersi i patti e le alleanze strette dai Castaldo-Sapio con i clan Sarno e Fabbrocino. Documentate anche diverse richieste estorsive a carico di imprenditori e titolari di esercizi commerciali. Già durante le indagini 11 persone erano finite in manette dopo essere state colte in flagranza di reato per spaccio di droga, possesso di armi e munizioni.

L’inchiesta, avviata nel gennaio del 2011 dopo l’omicidio a Castello di Cisterna di Corrado Nunneri, è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia partenopea. Il periodo era quello in cui il clan Russo, storicamente radicato nella zona, si era indebolito e aveva ceduto il passo, a tutto vantaggio del clan Sarno che avrebbe così allargato la sua area di influenza dalla zona orientale di Napoli al nolano.

Foto © TM News

Ultime notizie su Camorra

Tutto su Camorra →