Giro d’Italia 2018, tappa 15: Simon Yates dominatore, trionfa anche a Sappada

Crisi per Aru e Froome.

Simon Yates ha conquistato la sua terza tappa in questo Giro d’Italia 2018 che finora sta praticamente dominando, visto che anche ieri sullo Zoncolan, nonostante non abbia vinto, è comunque arrivato secondo. Il britannico della Mitchelton-Scott è certamente il più costante e soprattutto è in grado di fare degli scatti che lasciano immobili tutti gli altri avversari, proprio come è successo oggi, a oltre 16 km dal termine della quindicesima tappa da Tomezzo a Sappada, lunga in totale 178 km con quattro gran premi della montagna, di terza e seconda categoria e arrivo in salita. Yates è andato all’attacco da solo e ha incrementato via via il suo vantaggio chiudendo con 41″ sui primi inseguitori e 1′ 20″ sul gruppetto successivo. Oggi è stata una giornata no per Fabio Aru dell’UAE Team Emirates, che è andato in crisi e, nonostante il sostegno del compagno di squadra Diego Ulissi, non è riuscito a rientrare nel gruppo.

Fin dal momento del via ci sono stati tantissimi attacchi, ma la fuga “buona” si è staccata dopo ben oltre i 40 km, composta da: Nico Denz, Mickael Cherel e Quentin Jauregui (AG2R La Mondiale), Sacha Modolo (EF- Drapac), Antonio Nibali, Giovanni Visconti e Niccolò Bonifazio (Bahrain – Merida), Dayer Quintana (Movistar), Krists Neilands e Kristian Sbaragli (Israel Cycling Academy), Tosh Van der Sande (Lotto FixAll), Sam Bewley (Mitchelton – Scott), Gianluca Brambilla (Trek – Segafredo), Alexey Lutsenko (Astana), Davide Ballerini e Fausto Masnada (Androni – Sidermec), Alessandro De Marchi (BMC), Giulio Ciccone ed Enrico Barbin (Bardiani – CSF), Zdenek Stybar (QuickStep – Floors), Maurits Lammertink (Katusha – Alpecin), Diego Ulissi (UAE Team Emirates) e Matthieu Ladagnous (Groupama – FDJ).

Il loro vantaggio non è mai stato troppo alto e dal gruppo hanno attaccato Denz e Cherel, sui quali è rientrato Quintana, inseguiti dagli altri ex battistrada divisi in gruppetti. Il gruppo Maglia Rosa ha via via guadagnato terreno e ha ripreso tutti, inclusi gli ultimi due rimasti al comando, Denz e Ciccone. Poco dopo aver ripreso tutti i fuggitivi, è arrivato l’attacco di Simon Yates, che ha via via aumentato il proprio distacco, mentre i suoi diretti avversari Pozzovivo, Dumoulin, Pino, Lopez e Carapaz, sono rimasti insieme al suo inseguimento. L’olandese ha avuto delle difficoltà ed è rimasto più arretrato rispetto agli altri per qualche chilometro, ma è riuscito a rientrare nel finale e ad andare a prendersi il terzo posto.

Questi i primi dieci al traguardo della tappa 15:
1) Simon Yates (Mitchelton-Scott) 4h 37′ 56″
2) Miguel Angel Lopez (Astana) +41″
3) Tom Dumoulin (Team Sunweb) +41″
4) Domenico Pozzovivo (Bahrain-Merida) +41″
5) Richard Carapaz (Movistar) +41″
6) Thibaut Pinot (FDJ) +41″
7) Alexandre Geniez (AG2R La Mondiale) +1′ 20″
8) Davide Formolo (Bora-Hansgrohe) +1′ 20″
9) Pello Bilbao (Astana) +1′ 20″
10) Sam Oomen (Team Sunweb) 1′ 20″

E queste le prime posizioni della classifica generale:
1) Simon Yates (Mitchelton-Scott) 65h 57′ 37″
2) Tom Dumoulin (Team Sunweb) +2′ 11″
3) Domenico Pozzovivo (Bahrain-Merida) +2′ 28″
4) Thibaut Pinot (FDJ) +2′ 37″
5) Miguel Angel Lopez (Astana) +4′ 27″
6) Richard Carapaz (Movistar) +4′ 47″
7) Chris Froome (Team Sky) +4′ 52″
8) George Bennet (Team LottoNL-Jumbo) +5′ 34″
9) Pello Bilbao (Astana) +5′ 59″
10) Patrick Konrad (Bora-Hansgrohe) +6′ 13″

I Video di Blogo

Il video degli sciatori ammassati nella funivia a Cervinia

Ultime notizie su Giro d'Italia

giro italia 2020

Tutto su Giro d'Italia →