Lercara Friddi, omicidio Pietro D’amore: arrestato Francesco Greco

C’è un altro arresto per l’omicidio di Pietro D’amore, ucciso a colpi di fucile nel luglio del 2007 nelle campagne di Lercara Friddi, comune di 7.500 abitanti in provincia di Palermo. In manette è finito Francesco Greco, 46 anni, accusato di concorso in omicidio. Per quel delitto nel 2008 vennero arrestati Lonforte Francesco, 39 anni,

di remar


C’è un altro arresto per l’omicidio di Pietro D’amore, ucciso a colpi di fucile nel luglio del 2007 nelle campagne di Lercara Friddi, comune di 7.500 abitanti in provincia di Palermo. In manette è finito Francesco Greco, 46 anni, accusato di concorso in omicidio.

Per quel delitto nel 2008 vennero arrestati Lonforte Francesco, 39 anni, Lonforte Gaetano, 25 anni, Greco Agostino 66 anni, Cannata Luciano, 46 anni, e un altro Greco Francesco, anch’egli 46enne, cugino omonimo della persona arrestata oggi.

Francesco e Gaetano Loforte sono poi stati condannati all’ergastolo, Agostino Greco e Luciano Cannata a 30 anni di carcere mentre Francesco Greco a 2 anni e 2 mesi di reclusione, pena sospesa.

Greco è il cugino dell’altro Francesco Greco arrestato nel 2008 nonché nipote di Greco Agostino. Avrebbe avuto un ruolo essenziale nell’omicidio progettato – secondo i carabinieri – “nell’ambito familiare”, all’interno di un contesto in cui si intrecciavano rapporti personali e lavorativi. Scrive Sicilia Today:

L’arresto di oggi è il seguito di risvolti delle indagini, messi in luce da frasi emerse da vecchie intercettazioni: parole nascoste da fruscii e rumori ambientali e termini che opportunamente percepiti hanno fornito agli inquirenti una nuova chiave di lettura.

L’omicidio del 54enne Pietro D’amore, secondo gli investigatori, sarebbe maturato perché l’uomo era ritenuto uno dei responsabili dell’assassinio di Salvatore Rosario Loforte, avvenuto nel 2003, sempre a Lercara. Per quell’omicidio furono condannati in primo grado Giuseppe e Salvatore D’Amore, padre e fratello di Pietro che fu invece assolto dopo 4 anni passati in carcere.

Foto | Flickr