Verso il G 8: avviso di garanzia per Berlusconi?

Le spallate contro i governi (specialmente contro questo premier e contro questo governo) non si fanno con la carta “velina” e né con le carte vergate dalle procure. Ma non è solo Antonio Di Pietro a credere che Berlusconi possa stavolta “chiudere” il proprio mandato per l’effetto di una “bomba” ad orologeria di carattere giudiziario

Le spallate contro i governi (specialmente contro questo premier e contro questo governo) non si fanno con la carta “velina” e né con le carte vergate dalle procure.

Ma non è solo Antonio Di Pietro a credere che Berlusconi possa stavolta “chiudere” il proprio mandato per l’effetto di una “bomba” ad orologeria di carattere giudiziario pronta ad esplodere in occasione del prossimo G8 di L’Aquila.

Perché è proprio Palazzo Grazioli, come ricorda stamane l’acuto Antonio Polito su Il Riformista, “a far circolare queste voci (cioè che il premier venga personalmente coinvolto in una inchiesta giudiziaria ndr) e queste preoccupazioni?

Evidentemente non è un modo di esorcizzare un pericolo. Bensì, come ricorda Polito: “per ricordare alla magistratura inquirente che danno sarebbe per il Paese se si facesse il bis del ’94, quando un avviso di garanzia fu recapitato da Milano a Napoli, dove Berlusconi presiedeva il meeting”.

Non solo. Berlusconi e il suo staff vogliono prepararsi a qualsiasi “sorpresa” e vogliono preparare gli aficionados del Pdl e tutti gli italiani anche alla “emergenza”, paventando attacchi (della magistratura, dei poteri forti, della sinistra ecc.) alla “democrazia”, alla legittimità popolare e quindi, di fatto, creando un clima che inevitabilmente porterebbe subito alle elezioni politiche per tentare un’operazione plebiscitaria pro Berlusconi.

Fantapolitica? Oramai in questo malridotto Belpaese (quasi) tutto può accadere: che un premier, invece di pensare ai guai del proprio paese, pensi solo a se stesso e ai suoi “vizietti”, che la magistratura giochi a sostituire la politica che non c’è, che l’opposizione (peraltro divisa), irresponsabilmente, non aspetti altro che salti il tappo alla bottiglia.

“Fortuna” che ci sono i tiggi, che trasformeranno il G 8 in ovattata fiction, un osanna internazionale del premier italico. Procure permettendo.