Europei Ciclismo su Pista 2017: azzurre d’oro, azzurri d’argento nell’inseguimento, Confalonieri di bronzo nell’Eliminazione

Le ragazze di Salvoldi hanno battuto la Gran Bretagna in finale.

È stata una grandissima giornata per l’Italia agli Europei di Ciclismo su Pista 2017 a Berlino con ben tre medaglie. Silvia Valsecchi, Letizia Paternoster, Elisa Balsamo e Tatiana Guderzo sono le campionesse d’Europa di inseguimento a squadre. Le azzurre hanno sbaragliato la concorrenza e in finale hanno fatto fuori la Gran Bretagna, squadra detentrice del record del mondo.

Nella formazione britannica ci sono ancora due artefici di quel record Katie Archibald ed Elianor Barker, alle quali si sono aggiunte Manon Lloyd ed Emily Kay, ma durante la gara si sono disunite e hanno chiuso con un tempo di 4’ 21” 164, mentre le azzurre hanno viaggiato come un treno chiudendo in soli 4’ 17” 853, che è il nuovo record italiano, che migliora di quasi due secondi quello precedente ottenuto ai Mondiali di Hong Kong.

Il bronzo è andato alla Polonia, che in 4’ 24” 705 ha battuto la Francia nella finale per il terzo posto. Le polacche erano state surclassate dalle azzurre in semifinale: 4’ 22” 874 il tempo dell’Italia e 4’ 24” 872 quello della Polonia.

Per quanto riguarda i ragazzi, Liam Bertazzo, Filippo Ganna, Francesco Lamon e Simone Consonni che ha preso il posto di Michele Scartezzini, hanno perso in finale contro la propria bestia nera, la Francia.

In semifinale gli azzurri hanno battuto la Russia con un tempo di 3’ 56” 917 contro il 3’ 57” 573 degli avversari, in finale, invece, con un crono di 3’ 55” 986 non sono riusciti a battere i francesi che hanno chiuso in 3’ 55” 780. Il bronzo è andato alla Russia che in 3’ 57” 517 ha battuto la Germania (3’ 58” 435).

Per l’Italia oggi è arrivato anche un bronzo, quello di Maria Giulia Confalonieri nell’Eliminazione, dietro all’olandese Kirsten Wild e alla russa Evgenia Augustinas. Nella velocità a squadre femminile Miriam Vece e Elena Bissolati hanno chiuso all’ottavo posto, l’oro è andato alla Russia davanti a Germania e Olanda. Nello scratch Francesco Lamon non è riuscito a concludere la gara, mentre sul podio sono saliti il francese Adrien Garel (oro), l’ungherese Krisztian Lovassy (argento) e l’ucraino Roman Gladysh (bronzo).