Vibo Valentia, agguato mortale: ucciso il 23enne Salvatore Lazzaro

Salvatore Lazzaro, pregiudicato di 23 anni, è stato ucciso la notte scorsa a colpi di fucile mentre si trovava nella sua abitazione in provincia di Vibo Valentia. Le indagini si concentrano sulla locale faida per il controllo del mercato locale della droga.

Agguato mortale nella tarda serata di ieri nella frazione “Fago Savini” di Sorianello, in provincia di Vibo Valentia, dove il 23enne Salvatore Lazzaro, pregiudicato agli arresti domiciliari per reati legati agli stupefacenti, è stato raggiunto da un colpo di fucile proprio mentre si trovava in casa.

Secondo una prima ricostruzione il giovane stava guardando la televisione quando si è avvicinato alla finestra. A quel punto il killer, appostato davanti alla sua abitazione, ha esploso dei colpi che hanno raggiunto Lazzaro al collo e alla testa e ne hanno provocato la morte nel giro di poche ore.

Il giovane, trasportato in codice rosso all’ospedale di Serra San Bruno per un primo intervento chirurgico, è stato trasferito all’ospedale di “Germaneto” a Catanzaro, dove è deceduto nella notte.

L’ipotesi più probabile è che questo delitto sia maturato nell’ambito della una faida locale per la conquista del territorio nell’ambito dello spaccio di droga, fai che già tanti morti ha provocato dall’aprile dello scorso anno ad oggi. Suo cugino, Nicola Rimedio, era stato ucciso a colpi di fucile il 3 giugno dello scorso anno. Anche lui era attivo nel settore dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Del caso si stanno occupando i carabinieri della compagnia di Serra San Bruno, guidati dal capitano Stefano Esposito Vangone.

Foto © Getty Images – Tutti i diritti riservati

I Video di Blogo