Cagliari, uccide la nonna Maria Santoro a coltellate: arrestato 20enne

Il 20enne Anthony Muscas è stato arrestato ieri sera con l’accusa di aver ucciso a coltellate la nonna Maria Santoro in preda ad un raptus.

Ha ucciso la nonna invalida con almeno 24 coltellate, si accanito su di lei anche dopo il decesso ed ha continuato a colpirla prima di tentare la fuga e finire in manette pochi minuti dopo. Autore di questo brutale omicidio è un ragazzo di appena 24 anni, Anthony Muscas, nipote della vittima e cresciuto con lei dopo la separazione dei suoi genitori.

La tragedia si è verificata intorno alle 21 di ieri nell’abitazione dell’anziana invalida, Maria Santoro, 65 anni, a Serramanna, in provincia di Cagliari. Il giovane, reo confesso, ha rivelato che stava guardando la tv quando si è reso conto di come la sua vita fosse un fallimento e, in preda ad un raptus, ha preso un coltello da cucina e si è accanito sull’anziana parente.

L’ha trafitta all’addome e alla schiena ed ha continuato a colpire l’anziana anche quando era ormai esanime. Fondamentale per la cattura del giovane è stato l’intervento di sua madre, Elisabetta Desogus, che ha fornito alle autorità una sua foto e ne ha permesso il fermo a tempo di record. Alle 22, appena un’ora dopo il delitto, Anthony Muscas era già in mano alle autorità.

Stando a quanto emerso in queste ultime ore, il giovane killer è affetto da una grave forma di malattia mentale e da tempo era in cura presso un vicino centro di salute mentale. Subito dopo l’interrogatorio è stato trasferito nel carcere cagliaritano di Buoncammino a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Foto @ Getty Images

I Video di Blogo.it