Eccellenza: Rovigo, iniziata l’avventura di Mirco Bergamasco

E’ stato presentato ieri a Rovigo il trequarti azzurro, che torna in Italia dopo la lunga esperienza parigina.

L’appuntamento era per ieri mattina e l’attesa a Rovigo era tanta. Dopo la lunga telenovela, dopo la firma del contratto e la passeggiata, veloce, per il centro, ieri finalmente Mirco Bergamasco ha ufficialmente iniziato la propria avventura in rossoblu.

“Il progetto della Rugby Rovigo Delta e dei nuovi allenatori mi è piaciuto fin da subito. Rovigo è stato il solo club che mi ha fatto una proposta seria e interessante, che mi ha dimostrato con prontezza la voglia di avermi in squadra a differenza di altri club che mettevano molte opzioni e ‘paletti’ – le parole di Mirco, non prive di stoccatine –. Il campionato d’Eccellenza non è ancora iniziato, non possiamo sapere il livello di gioco come sarà quest’anno ma tutte le squadre sono rinforzate e sarà sicuramente più alto dello scorso anno. Tutte queste cose hanno fatto sì che firmassi a Rovigo. Il Presidente mi ha espresso fin da subito la sua fiducia, così come gli allenatori. Qui c’è l’ambiente che cerco, familiare, in cui si respira rugby. Non va dimenticato, inoltre, che la mia prima partita con la Nazionale l’ho giocata venendo da un club di Eccellenza. Se l’ho fatto dieci anni fa, perché non posso rifarlo oggi? Da mesi mi sto allenando e seguendo il programma di recupero e riabilitazione dall’infortunio subìto lo scorso novembre, affinché possa essere pronto” ha concluso il giocatore.

Ma come si presenta a Rovigo dopo mesi di stop? “L’infortunio che Mirco ha subìto durante il test match di novembre contro l’Australia era una frattura pluri-frammentaria della rotula sinistra, non c’è quindi stato coinvolgimento a livello di stabilità del ginocchio – ha spiegato Yarno Celeghin, responsabile di “Equipe” e della riabilitazione della Rugby Rovigo Delta –. I tempi di recupero sono stati dilatati dalla necessità di togliere il mezzo di sintesi (cerchiaggio), operazione che è avvenuta a fine del mese di aprile. A livello funzionale il suo ginocchio appare recuperato dal punto di vista dell’articolarità. A livello muscolare Mirco è in avanzato stato di recupero, avrà bisogno di un programma personalizzato che è già stato discusso con il preparatore atletico Tommaso Boldrini. La cosa importante è che oggi Mirco inizia con il gruppo, non fa parte della lista degli infortunati”.

Infine, il presidente Zambelli è tornato sulla questione soldi. “Sul contratto del giocatore è inutile fantasticare poiché è normalissimo, di durata un anno e a condizioni economiche in armonia con quelle dell’intero organico giocatori; scendere nei particolari sarebbe solamente scorretto, poiché di discutibile interpretazione, sia per la società che per il giocatore”.

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+

I Video di Blogo