Monza: chiude in casa i genitori, lui muore calandosi dalla finestra

Una 48enne rinchiudeva in casa gli anziani genitori quando andava al lavoro. Il padre ha tentato di uscire calandosi con un cavo dell’antenna.

Quando andava a lavorare, chiudeva in casa gli anziani genitori. Forse nessuno l’avrebbe mai scoperto, se il padre 78enne – per cercare di uscire – non avesse provato a calarsi dal balcone utilizzando un filo dell’antenna come corda. Purtroppo, però, l’uomo non ce l’ha fatta, è caduto ed è morto. 

Antonella C, 48 anni, l’aguzzina dei genitori, è stata arrestata dai carabinieri di Muggiò, in provincia di Monza, con i pesanti capi d’imputazione di maltrattamenti, sequestro di persona e omicidio colposo. La sua giustificazione? Li rinchiudeva in casa per proteggerli.

Voleva così evitare che il padre andasse a bere alcolici al bar. La madre, di 74 anni, è invece invalida al cento per cento e dunque impossibilitata a muoversi. Il tragico epilogo della vicenda lo scorso 16 luglio: Antonella esce come tutte le mattine per andare al lavoro in una ditta di pulizie. Chiude a chiave la porta dell’appartamento al secondo piano.

Questa volta, però, qualcosa non va come al solito. Papà Gino vuole uscire e tenta di calarsi dalla finestra. Il cavo dell’antenna non lo regge, cade nel vuoto e muore poco dopo il trasporto all’ospedale di Monza. I carabinieri si sono insospettiti proprio vedendo il cavo pendente dell’antenna. Una volta in casa, hanno scoperto lo stato di degrado.  

Le indagini hanno quindi accertato che lo stato di abbandono e il tentativo di fuga da parte dell’anzianmo genitore erano conseguenze del comportamento della figlia. Le manette sono scattate automatiche. 

I Video di Blogo.it