Italia Under-21, Pellegrini: “Contro la Spagna può succedere di tutto”

Europei Under-21, Lorenzo Pellegrini è pronto alla sfida di martedì prossimo contro la Spagna: “Siamo concentrati, faremo del nostro meglio come contro la Germania”

Lorenzo Pellegrini attende con ansia la semifinale degli Europei Under 21 contro la Spagna in programma martedì prossimo. La vittoria di ieri contro la Germania ha permesso agli azzurrini di superare il turno, ma li ha anche messi difronte alla favorita principale per la vittoria del torneo che, tra l’altro, beneficerà di un giorno in più di riposo.

Il CT Di Biagio ha già detto di credere nel “miracolo” ed anche Pellegrini è parso consapevole delle difficoltà che la sua squadra vivrà martedì prossimo: “Siamo concentrati, faremo del nostro meglio come contro la Germania. E’ una partita secca quindi potrebbe succedere di tutto. Avevamo già affrontato la Spagna a marzo e i giocatori li conosco molto bene. Ci sono stelle internazionali come Asensio e Saul quindi sappiamo sarà non sarà facile. Asensio ha vinto la Champions League e probabilmente gioca nella squadra più forte del mondo. E’ normale che sia lui al centro dell’attenzione. Ma anche noi abbiamo giocatori fortissimi come Berardi e Bernardeschi. L’europeo per me è importantissimo perché ci sono giocatori molto forti con cui posso confrontarmi. Confrontarsi a livello europeo con altri giocatori e altre realtà è fondamentale per la crescita di un ragazzo giovane. Penso sia il massimo. Vincere è sempre bello ma farlo con questa squadra, ma soprattutto con questo gruppo sarebbe qualcosa di eccezionale. Più che un gruppo siamo una famiglia“.

Pellegrini è un giocatore in ascesa e punta ancora a migliorarsi. I suoi modelli sono De Rossi e Pogba per le loro qualità tecniche e tattiche, ma il giovane centrocampista apprezza anche la ‘cattiveria’ che mettono in campo gli juventini Higuain, Bonucci e Chiellini: “Mi piacciono tanto De Rossi e Pogba. Mi piace molto vedere giocare il francese perché, oltre a delle incredibili qualità, mostra una tranquillità pazzesca. Mi diverto a guardarlo. Giocatore più forte che ho affrontato? Berardi ha delle qualità enormi che probabilmente non ha ancora espresso al 100%. Se devo fare un altro nome dico Higuain: ha una cattiveria impressionante nel fare le cose, la stessa di altri giocatori della Juventus come Bonucci, Chiellini e lo stesso De Rossi della Roma. Sono degli esempi per noi ragazzi giovani. Ora il mio obiettivo è l’Europeo. In generale voglio continuare a crescere e, passo dopo passo, diventare un grande calciatore, confermarmi in nazionale“.