Milano, sgominata banda di sudamericani: stupravano e rapinavano prostitute dell’Est

Sei cittadini sudamericani sono stati arrestati a Milano con l’accusa di violenze sessuali di gruppo e rapina ai danni di giovani prostiture originarie dell’Est Europa.

Sei cittadini sudamericani, tutti residenti nell’hinterland milanese, sono stati arrestati in queste ore dai carabinieri del comando provinciale di Milano con accuse pesantissime: violenze sessuali di gruppo e rapine ai danni di giovani prostitute originarie dell’Est Europa.

Le vittime di quella che era una vera e propria gang criminale venivano adescate per strada, solitamente di notte, e costrette a salire in auto sotto la minaccia di armi. A quel punto venivano condotte in un appartamento alle porte di Milano e sequestrate per diverse ore. Lì il branco le stuprava ripetutamente e le rapinava di tutti gli oggetti in loro possesso.

Terminate le brutali violenze, la gang abbandonava le giovani vittime per strada, lontano dalla casa degli orrori, così da rendere difficile per loro identificare quel luogo. L’indagine è stata avviata proprio grazie alle denunce presentate dalle vittime e in poche settimane i responsabili di tanta brutalità sono stati assicurati alla giustizia.

Gli inquirenti, coordinati dalla Procura della Repubblica di Milano, sono riusciti ad individuare l’auto utilizzata dalla gang per i sequestri e il luogo in cui venivano portate le ragazze. Accertati gli episodi denunciati – definiti particolarmente crudi e brutali dalle autorità – i sei sono finiti in manette con l’accusa di violenze sessuali di gruppo e rapina.

Foto © Getty Images