Kerry e la bomba atomica: “Usa impediranno a Iran di averla”

Parole dure anche nei confronti di Israele e Palestina: “Se non riprendono le trattative per la pace, la porta per una soluzione si chiuderà e sarà un disastro”.

John Kerry si è presentato al Senato con parole forti. Il segretario di stato Usa in pectore ha avvisato in particolare i nemici degli Stati Uniti, dall’Iran alla Corea del Nord. “Mi impegnerò in prima persona perché vengano applicate le sanzioni americane contro Teheran, per impedire che la Repubblica islamica arrivi alla bomba atomica.

La questione nucleare pare essere la più urgente nell’agenda estera di Kerry, dopo le minacce della Corea del Nord di fare esperimenti a lunga gittata proprio verso l’America. Anche se, “la nostra politica non è il contenimento, ma la prevenzione“. Sull’Iran, la priorità sarà “la soluzione diplomatica, ma c’è la determinazione a ridurre la minaccia nucleare”.

C’è molto della retorica statunitense nel discorso di Kerry, come quando dice: “Il nostro compito è dare voce a chi non ce l’ha nel mondo. La nostra politica non è determinata dall’uso di droni o dal dispiegamento di soldati sul terreno. Gli Stati Uniti devono continuare a essere una Nazione indispensabile per il mondo”. L’audizione ha vissuto anche un fuori programma, quando una donna ha cominciato a urlare, dicendosi “stanca delle tante uccisioni” in Medio Oriente. La contestatrice è stata trascinata via dall’aula e Kerry ha potuto proseguire il suo discorso.

“C’è rispetto per chi esprime preoccupazione per quel che succede in Medio Oriente, ma la porta per la soluzione dei due Stati potrebbe richiudersi in mancanza di una ripresa dei negoziati diretti israelo-palestinesi. E sarebbe un disastro”. Ecco poi affiorare il discorso Pyongyang nelle parole del portavoce della Casa Bianca, Jay Carney: “Il loro annuncio è inutilmente provocatorio. Ma gli Stati Uniti sono pronti ad affrontare qualsiasi provocazione”.

Hillary Clinton ha quindi chiuso la mattinata a Capitol Hill chiedendo al Senato di approvare rapidamente la nomina di Kerry: “John è la scelta giusta per portare avanti la politica estera dell’amministrazione Obama ed esorto a confermarlo rapidamente”.

Getty Images – Tutti i diritti riservati

Ultime notizie su Corea del Nord

Tutto su Corea del Nord →