Patrizia D’Addario. La nuova Noemi in salsa pugliese

Sì lo so, ne avete tutti abbastanza di Berlusconi, veline e Noemi Letizia. Pure noi, che credete? Ma è proprio per questo che diamo spazio a un caso che ha dell’incredibile. Una tal Patrizia D’Addario, sconosciuta ai più (in rete non se ne trova traccia) che è improvvisamente comparsa sulle pagine del Corriere, rilasciando un’intervista

di luca17

Sì lo so, ne avete tutti abbastanza di Berlusconi, veline e Noemi Letizia. Pure noi, che credete? Ma è proprio per questo che diamo spazio a un caso che ha dell’incredibile. Una tal Patrizia D’Addario, sconosciuta ai più (in rete non se ne trova traccia) che è improvvisamente comparsa sulle pagine del Corriere, rilasciando un’intervista esplosiva.

L’intento è di avvalorare la velinomania del Silvio, raccontando come vanno le cose nelle presunte feste di Palazzo Grazioli. In breve la nostra ragazza – che è stata candidata nella lista La Puglia prima di tutto che fiancheggiava il Pdl nelle comunali di Bari – ha offerto la propria testimonianza al quotidiano di via Solferino per vendicarsi del mancato favore che gli avrebbe fatto il nostro Premier.

«Mi hanno messo in lista — afferma — perché ho partecipato a due feste a palazzo Grazioli. Ho le prove di quello che dico e voglio raccontare che co­sa è successo prima che decidessi di tirarmi indie­tro. Il mio nome è ancora lì, ma io non ci sono più».


E allora vediamo come sarebbero andati i fatti. Per prima cosa la nostra eroina viene contattata da un amico che vuole presentarle una persona a Roma (indovinate chi). Ci va solo se la pagano (ma a che titolo?) e si accorda per 2.000 euro. A questo punto le affibbiano il nickname Alessia e arriva al cospetto del Premier con tante altre ragazze. E là…

“Ha salutato tutte e poi si è fermato a parlare con me. Ho capito di averlo colpito perché mi ha chiesto che lavoro facessi e io gli ho parlato subito di un residence che voglio costruire su un terreno della mia famiglia. Ci ha mostrato i video del suo incontro con Bush, le foto delle sue ville, ha cantato e raccontato barzellette.”

Seratona quindi! Ma il bello viene la sera delle presidenziali americane. Qui la ragazza sostiene di essere stata invitata a Palazzo Grazioli e di avervi trascorso tutta la notte con altre due ragazze. Avrebbe anche delle registrazioni che lo testimoniano. Non è dato sapere se si sia spinto oltre il cabaret di paste che le è stato offerto, ma di fatto sostiene che il Cavaliere le avrebbe promesso di sbloccare la sua pratica edilizia.

Ciò non avviene ma in compenso le viene promesso (dal nipote di Matarrese, NdR) di inserirla nella lista delle Europee. Peccato che poi non se ne faccia niente sempre per colpa di Veronica Lario. Le viene dato il contentino delle comunali però, durante le quali le svaligiano la casa. Fatto che secondo lei non sarebbe casuale (??? boh…)

E infine interrogata sul motivo per il quale solo ora vuoterebbe il sacco risponde:

«Avrei potuto continuare a fare campagna elettorale e trattare con loro nell’ombra. La racconto perché ho capito che mi hanno ingannata. Avevo chiesto soltanto un aiuto per un progetto al quale tengo molto e invece mi hanno usata»

Hai capito? Aveva chiesto aiuto per spingere una sua pratica ferma – questa a casa nostra si chiama corruzione – e non avendolo ottenuto ora contatta i giornali per raccontare tutta la storia. Be’, veramente godibile, e vi invitiamo a leggere l’intervista per intero al link suddetto. Come direbbe l’attore protagonista della fiction Boris, “tutto molto italiano”.

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →