Verona: 20enne uccide il padre e lo fa a pezzi, arrestato

E’ finito in carcere, con l’accusa di omicidio, il 20enne Piergiorgio Zorzi, residente a Verona, che ha già confessato di aver ucciso suo padre, di averlo fatto a pezzi e di aver gettato tutto in un cassonetto nei pressi della sua abitazione.Il delitto risale a circa una settimana fa, ma è stato scoperto solo ieri


E’ finito in carcere, con l’accusa di omicidio, il 20enne Piergiorgio Zorzi, residente a Verona, che ha già confessato di aver ucciso suo padre, di averlo fatto a pezzi e di aver gettato tutto in un cassonetto nei pressi della sua abitazione.

Il delitto risale a circa una settimana fa, ma è stato scoperto solo ieri sera, quando alcuni vicini di casa della famiglia Zorzi hanno allertato le autorità per via del cattivo odore che proveniva da un cassonetto per la raccolta differenziata.

Poi la scoperta del corpo di Giorgio Zorzi, 66 anni, “tagliato in cinque pezzi con una sega” e il successivo interrogatorio del figlio.

Il giovane, dopo diverse ore in Questura, ha ceduto ed ha confessato tutto. Per lui, ora rinchiuso nel carcere di Verona-Montorio, le accuse sono di omicidio aggravato e occultamento di cadavere.

Via | Quotidiano Nazionale