Attentati in Afghanistan e Pakistan: 20 morti e diversi feriti

In Pakistan uccisi undici poliziotti, in Afghanistan l’attentatore suicida mirava al capo delle forze anti-talebane.

Autobomba in Pakistan, attentato kamikaze in Afghanistan. Il filo rosso del sangue lega le due azioni di oggi. Alla periferia di Quetta, nel primo caso, a perdere la vita sono stati 11 poliziotti e un civile. I feriti sono invece 23, secondo il bilancio fornito dalla polizia locale. 

L’attentato ha preso di mira un veicolo che trasportava membri delle forze speciali di polizia. A esplodere è stato un risciò, che era stato riempito con ben 100 chili di esplosivo. Quetta, che si trova nella provincia del Beluchistan, è purtroppo zona dominata dalla violenza islamista e settaria. 

Nella provincia meridionale afgana di Ghazni, invece, è entrato in azione un kamikaze. L’uomo si è fatto esplodere nelle vicinanze di un ristorante, uccidendo sette persone e ferendone altre 15. Lo ha reso noto l’agenzia Pajhwok. L’attentato è avvenuto nella città di Maqur.

Mohammad Alì Ahmadi, vice governatore provinciale, ha fatto sapere che metà delle vittime erano membri di una forza anti-talebana, l’altra metà civili. Un testimone oculare ha detto che il bersaglio del kamikaze era probabilmente Habibullah, comandante delle forze anti-talebane. Nella provincia di Ghazni, poche ore prima, un’altra persona si era fatta esplodere in bicicletta, ferendo cinque civili, vicino alla stazione degli autobus di Ghazni City. 

Foto | © Getty Images