Cassano: “Milan squadra di scappati di casa, Montella da 10”

Antonio Cassano ospite di Tiki Taka News è stato il solito fiume in piena: non solo Milan, ha detto la sua anche sulla Juventus e il futuro

Antonio Cassano, 34enne fantasista barese attualmente senza squadra, è stato ospite oggi di ‘Tiki Taka News’. Tanti gli argomenti trattati dal calciatore che si è svincolato quest’anno dalla Sampdoria ed è alla ricerca di una nuova stimolante avventura. Dopo essere stato accostato ad un club di Serie B ed al campionato cinese, ‘Fantantonio’ ribadisce di voler trovare il prossimo anno una squadra che gli consenta di rimanere vicino casa (Genova). “Mi è stata fatta una proposta per andare in Cina – ammette – , ma il calcio vero è in Europa e poi vorrei stare vicino a casa”.

Tra poche settimane darà l’addio al calcio il suo amico Francesco Totti, che a quanto pare avrà un ruolo da dirigente nella Roma. “Cosa farei se fossi Totti? Gli direi di continuare e sono convinto che anche lui voglia farlo: nessuno deve azzardarsi di dirgli cosa deve fare. A me piacerebbe finire la carriera da qualche parte e con Totti giocherei ancora: decida lui dove. È il calciatore con cui mi sono divertito di più in assoluto, se sta bene potrebbe fare ancora tanti gol in questa Serie A”.

Nei giorni scorsi ha ricordato di essere stato vicino a firmare con la Juventus diverse volte, stavolta tiferà per i bianconeri nella finale di Champions contro il Real Madrid e spera che capitan Buffon riesca finalmente a vincere il Pallone d’oro. “Tiferò per loro: ci sono tanti amici in bianconero e in particolare mi farebbe piacere per Buffon, così finalmente potrebbero dargli il Pallone d’oro. Lo merita. Alla Juventus e ad Allegri posso fare solo i complimenti per quello che hanno fatto, ma io preferisco essere il Barcellona: ognuno ha il suo modo di giocare”, sottolinea.

Poi una carrellata di considerazioni su alcune delle sue ex squadre e su alcuni ex compagni. “L’Inter è stata ingiusta con Pioli, è una brava persona e meritava di finire la stagione. La colpa non è sua, è che non ha giocatori all’altezza dell’Inter: i nerazzurri sono sopravvalutati. Dove andrà Schick? Spero all’Inter, è davvero forte. Balotelli? È un ottimo calciatore, ma ne passa per essere un campione. Lui si è offeso dicendo che gli amici nel calcio non esistono e questo è un problema suo. Io gli amici ce li ho a casa mia e dico quello che penso. Montella? Per me sta facendo benissimo, gli darei 10: sta facendo delle cose eccezionali con una squadra di scappati di casa. Ai miei tempi certi giocatori non si sarebbero neppure potuti cambiare fuori da Milanello. Il Napoli? Gioca il calcio più bello d’Italia”, conclude Cassano. Dichiarazioni destinate, come al solito, a far discutere.