UK, sei bimbi morti in un incendio: Mick Philpott condannato all’ergastolo

I coniugi Mick e Mairead Philpott sono stati condannati per l’omicidio di sei dei loro figli, morti l’11 maggio durante un incendio appiccato per riuscire ad ottenere maggiori sussidi dallo Stato.

E’ stato condannato all’ergastolo, con l’obbligo di scontare almeno 15 anni di carcere prima di fare richiesta per la libertà vigilata, l’uomo che per settimane è stato considerato un eroe in Inghilterra e che aveva toccato e commosso l’opinione pubblica dopo la morte di 6 dei suoi 17 figli, deceduti in un incendio l’11 maggio dello scorso anno. Fino a quando la verità è emersa.

Shameless Mick” – Mick senza vergogna, come è stato soprannominato dalla stampa britannica – ha ammesso di aver appiccato volontariamente il fuoco alla propria abitazione con un’intenzione ben precisa: diventare un eroe, acquistare credibilità nella lotta per l’affidamento di altri cinque figli avuti da una precedente relazione e ottenere ulteriori sussidi, previsti per Legge per le famiglie numerose e per chi non riesce a trovare lavoro.

Non voleva uccidere i figli, il piano era proprio quello di entrare nella casa in fiamma e trarli in salvo. Per farlo si fece aiutare dalla moglie Mairead, 32 anni, e dall’amico Paul Mosley, 46 anni, ma qualcosa andò storto e nessuno di loro riuscì a portare in salvo i sei bambini, tutti di età compresa tra i 5 e i 13 anni, che morirono tra le fiamme.

In un primo momento si pensò ad una fatalità – lui era stato dipinto come un eroe e la comunità si era adoperata per coprire le spese da sostenere per il funerale dei sei bimbi – ma in poche settimane si scoprì il dolo e le indagini fecero emergere la verità: Mike, alcolizzato e disoccupato, viveva di sussidi e fu proprio quel suo stile di vita a spingerlo a fare sempre più figli per ottenere sempre più aiuti da parte dello Stato.

Ora dovrà trascorrere almeno i prossimi 15 anni dietro le sbarre. Poi il suo caso sarà analizzanto a fondo e, se l’uomo verrà giudicato in grado di essere reinserito senza pericolo nella società, potrà lasciare il carcere. In caso contrario il periodo detentivo proseguirà.

Condannati anche la moglie Mairead e l’amico Paul Mosley: entrambi dovranno scontare 17 anni di carcere per il loro ruolo nel diabolico piano ideato da Mick Philpott e per non averlo scoraggiato a metterlo in atto.

Ultime notizie su Genocidi e dittature

Tutto su Genocidi e dittature →