Australia: Kurtley Beale va al pub e viene sospeso

Il trequarti dei Melbourne Rebels ci casca di nuovo e il suo futuro ora è a rischio.

E’ ufficiale: Kurtley Beale, trequarti di talento dell’Australia e dei Melbourne Rebels, è entrato di diritto nell’esclusivo club delle “teste calde” del rugby mondiale. L’estremo wallabie, infatti, è stato fermato per la seconda volta dai Rebels per aver infranto le regole comportamentali richieste dall’Aru. E il suo futuro è sempre più a rischio.

Beale non andrà in trasferta ad Auckland con i Melbourne Rebels questo weekend, dopo la seconda sospensione in poche settimane. E, ancora una volta, la colpa è dell’alcol. Sospeso a fine marzo per una rissa con i compagni di squadra Cooper Vuna e Gareth Delve (Kurtley era ubriaco, ndr.), Beale era tornato in campo lo scorso weekend, giocando l’ultima mezz’ora della sfida contro i Chiefs. Un ritorno più che positivo, ma rovinato dal “terzo tempo”.

Già, perché sabato sera il trequarti australiano ha deciso di passare la serata al pub. Nulla di grave, se il giocatore non avesse promesso di curare la propria dipendenza dall’alcol e il suo ritorno fosse stato legato a una terapia psicologica. E, invece, Beale avrebbe saltato un appuntamento con lo specialista e avrebbe passato la serata a bere. Ed ecco il secondo stop.

A questo punto il futuro, almeno prossimo, di Kurtley Beale è a rischio. Con sei partite ancora da giocare, infatti, una squalifica rischia di impedire a Beale di guadagnarsi la convocazione con i Wallabies per le sfide contro i British & Irish Lions. Inoltre, se non cambierà registro, a fine stagione i Rebels potrebbero scaricarlo. Insomma, un altro ribelle a rischio.

credit image by Getty Images

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+