Crolla miniera in Sudan: 60 operai morti

Il crollo a 40 metri di profondità. Secondo un funzionario locale, i morti potrebbero essere di più.

Tragedia in una miniera d’oro in Darfur, regione del Sudan. A causa di un crollo a Jabal Amir, infatti, sono morti 60 minatori. Lo ha riferito un portavoce della polizia, che ha spiegato come a gennaio – nella stessa miniera – ci fossero stati scontri tra diverse tribù che volevano garantirsi l’accesso alla zona.

Un parlamentare sudanese ha fatto sapere che il crollo c’è stato lunedì scorso, ma che la notizia è stata data soltanto oggi. Un testimone ha riferito alla Reuters che i soccorsi sono falliti e che nessun minatore è stato estratto salvo da sotto le macerie.

In Sudan, sono mezzo milione le persone che cercano l’oro. Il governo stima di aver realizzato esportazioni del metallo prezioso per 2,5 miliardi di dollari lo scorso anno. Per poter lucrare così tanto, naturalmente vengono impiegati numerosi minatori, che spesso devono lavorare in situazioni di scarsa sicurezza.

Il tunnel bloccato dal crollo si trova a 40 metri di profondità. Un funzionario locale, Haroun al-Hassan, ha fatto sapere in realtà che i soccorsi proseguono: “Sono operazioni molto lente perché bisogna scavare a mano. Il terreno rischia di crollare”. Secondo al-Hassan, le vittime potrebbero essere più di 60: “Il bilancio è ancora incerto”.

Foto | © Getty Images

I Video di Blogo