Super Rugby: Melbourne Rebels in crisi, già pensano al 2014

Damien Hill non vedrà il suo contratto rinnovato e i Ribelli Australiani sono pronti a cambiare coach e Ceo.

Siamo a metà stagione nell’Emisfero Sud, ma per qualcuno è già tempo di bilanci. Per chi, magari, si è già giocato ogni chance di accedere ai playoff e, ora, fa i conti con un fallimento inaspettato. Come i Melbourne Rebels, incapaci di fare il salto di qualità alla loro terza stagione nel Super Rugby.

Due sole vittorie in otto incontri, l’ultima posizione nella conference e la penultima generale – preceduti perfino dagli esordienti Southern Kings. Il 2013 dei Ribelli Australiani è già classificabile come fallimento e Damien Hill, il tecnico di Melbourne, non verrà confermato la prossima stagione.

Ma quello di Hill non sarà l’unico addio. I risultati che non arrivano e lo scandalo Beale (con il Wallabie che – ubriaco – si è picchiato con un compagno di squadra) hanno portato anche il CEO Steven Boland a rassegnare le dimissioni, che diverranno operative il prossimo mese.

Insomma, i Ribelli sono pronti alla rivoluzione. Sperando che, questa volta, i grandi nomi portati a Melbourne (dallo stesso Beale a James O’Connor, passando per Scott Higginbotham) portino con sé anche risultati.

credit image by Getty Images

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+