Foto: Noemi Letizia su Chi, la Lolita di Portici e il doppio legame di Bateson

Noemi Letizia, Veronica Lario e il divorzio da Silvio Berlusconi: la politica si tinge di gossip da settimane, ma ringraziate voi stessi – o meglio: ringraziate chi avete votato – per averla resa com’è oggi, ovvero un siparietto di lucidalabbra in stile “Regalone!” di Cioè, e che in comune con l’interiezionale settimanale per teenager ha


Noemi Letizia, Veronica Lario e il divorzio da Silvio Berlusconi: la politica si tinge di gossip da settimane, ma ringraziate voi stessi – o meglio: ringraziate chi avete votato – per averla resa com’è oggi, ovvero un siparietto di lucidalabbra in stile “Regalone!” di Cioè, e che in comune con l’interiezionale settimanale per teenager ha in comune la vuotezza totale di contenuti.

La Pravda di Segrate, il settimanale diretto da Alfonso Signorini, campa – di conseguenza fa campare il suo editore, incidentalmente anche il nostro Presidente del Consiglio, la cui figlia, Marina, presiede Mondadori – di questi blocchi indigeribili, di questo bolo premasticato che deglutito racconta la sua verità agli italiani e alle italiane che si ostinano a credere che, insomma, il resto del mondo, la temibile stampa estera, stia complottando contro le italiche genti…

Poi confondono il Times e il Financial Times, e i due gruppi editoriali – il Times è di Murdoch, il FT è del gruppo Pearson, con Murdoch c’entra zero – ma che sarà mai: ricordate, è sempre un complotto della stampa comunista. Quello che colpisce però, che ti colpisce se hai un minimo di occhio, chiaro, è il doppio legame emanato dalle pagine di Chi con Noemi Letizia. Che cos’è il doppio legame? In psicologia è stato studiato da Gregory Bateson, per spiegarvela in maniera molto semplice, c’è il classico esempio della madre che vuole abbracciare il figlio…

Noemi Letizia su Chi: leave Noemi alone!
Noemi Letizia su Chi: leave Noemi alone!

Noemi Letizia su Chi: leave Noemi alone!
Noemi Letizia su Chi: leave Noemi alone!
Noemi Letizia su Chi: leave Noemi alone!

dopo un lungo periodo, rivede il figlio, ricoverato per disturbi mentali. Il figlio, in un gesto d’affetto, tenta di abbracciare la madre, la quale si irrigidisce; il figlio a questo punto si ritrae, al che la madre gli dice: “Non devi aver paura ad esprimere i tuoi sentimenti”.Nonostante a livello di comunicazione implicita (il gesto di irrigidimento) la madre esprima rifiuto per il gesto d’affetto del figlio, a livello di comunicazione esplicita (la frase detta in seguito), la madre nega di essere la responsabile dell’allontanamento

Frasi come “Sii spontaneo”, oppure “Dai retta a me: non accettare consigli”, agiscono esattamente nello stesso modo. C’è un cortocircuito che ti fa star male, dentro: come fai ad essere spontaneo per imposizione? Come fai ad ad accettare il consiglio di non accettare consigli? Non puoi: tecnicamente, il tuo cervello, quando sente roba del genere, fa casino. Se c’è qualche psicologo che legge, può spiegarvi tutto molto meglio.

E’ esattamente lo stesso meccanismo che si innesca quando stamattina apro gli occhi sulle foto di Noemi Letizia che vedete nella gallery e leggo, parole della diciottenne risposte come “Sogno che nell’immediato futuro il mio nome e la mia faccia spariscano da giornali e tv”. Un ottimo modo per scomparire, farsi sbattere, in senso cartaceo, sulle pagine che già in passato ospitarono la berlusconeide signoriniana, in versione Lolita di Portici.

C’è sempre questo dettaglio su cui si insiste, in cui il velinismo sconfina nella ginecologia, il tutto venato da termini da film con Lando Buzzanca – “La ragazza è illibata” e si precisa bene, come oltre che casta – “Lei aveva dichiarato di essere vergine, conferma?” “Assolutamente si”- malgrado tutta la sua immagine, tutto quello che da Portici propaga al resto dell’Italia, offra esattamente il senso opposto.

Ricordate la prima intervista? In cui questa ragazzina che chiama Papi un signore di settanta e rotti anni, che va alla sue feste in villa da sola, che indirettamente fa scattare sequestri di foto – follia pura – da Procure più realiste del Re, vi ricordate tutto questo? Vi lascio con la chiusa del servizio di Chi, memorabile

L’intervista è finita. Prima di lasciarci Noemi ci mostra la compilation che in questo periodo di difficoltà le sta facendo compagnia nelle lunghe notti insonni. “E’ il mio disco preferito, si chiama l’Ultimo Amore”.

Secondo voi chi è l’autore di codeste musiche?

Il cd è di Mariano Apicella.

Certo. Air Force One Apicella.

I Video di Blogo.it

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →